Le streghe di Vezin –  Algernon Blackwood – Il pelo nell’uovo (Fefè ed.)

Recensione: Le streghe di Vezin –  Algernon Blackwood   –   Il pelo nell’uovo (Fefè ed.)

 

Quella proposta da: Il pelo nell’uovo, nuovo marchio della più nota casa editrice edizioni Fefè è una piccola grande Perla dell’editoria, Le streghe di Vezin volumetto 126 pagine.

Si tratta di  un racconto scritto da Algernon Blackwood  nel 1908, prima facente parte della raccolta dal titolo:  “John Silence physician extraordinary” e rieditato poi quarant’ anni dopo.

Una storia sicuramente senza tempo e che del tempo non teme il passare.

Un racconto che gli amanti di Edgard Allan Poe e  H.P. Lovecraft  non possono permettersi di non conoscere e che scandalosamente, l’editoria italiana, fatto salvo ovviamente per la Fefe e altre rare eccezioni, ha ignorato e trascurato fino a poco tempo fa.

Le streghe di Vezin è una delle tante storie in cui compare l’enigmatica e affascinante figura del dottor John Silence un medico che si occupa di casi molto speciali, che gli fanno meritare di esser definito con l’affascinante specifica di  Investigatore dell’occulto, titolo che ai più giovani o amanti dell’ horror a fumetti potrebbe portare alla mente il bonelliano Dylan Dog investigatore dell’incubo, con il quale però ha ben poco in comune, perché nonostante quanto si possa pensare il campo d’azione del dottor Silence è fondamentalmente la psiche umana, mondo quasi ancora oggi del tutto sconosciuto se pensiamo alla teoria dell’Iceberg.

Dettaglio fondamentale da non dimenticare è che l’autore vive e scrive a cavallo tra la fine del 1880 e l’inizio del 1900 periodo in cui gli studi freudiani sono stati nel loro massimo splendore.

Nel racconto  si respira un’atmosfera a attratti claustrofobica e costantemente inquietante. Una storia che fa crescere il senso di ansia nel lettore e che lo spinge ad identificarsi con il protagonista e con le sue più recondite “paranoie”.

Nel volume Le streghe di Vezin  è presente una prefazione firmata Leo Osslan  direttore editoriale della casa editrice del volume stesso.

Le pagine introduttive alla storia, a differenza di alcune prefazioni presenti  generalmente nei libri, è molto utile per godere e capire appieno il racconto, quindi vi consiglio di leggerla e poi, di partire assieme al dottor John Silence tra le inquietanti strade della strana località di Vezin e nei meandri della mente del protagonista.

Sandra Pauletto

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.