La sostanza del male di Luca D’Andrea – Teresa Breviglieri

 

 

Luca D’Andrea nasce a Bolzano nel 1979 e vi risiede attualmente. “La sostanza del male”, è il suo primo thriller ed è già diventato un caso internazionale, tanto che è già stato pubblicato in più di trenta paesi. Luca ci narra la storia di un giovane autore televisivo newyorkese, che insieme alla moglie si trasferisce in un paesino di montagna, in quanto da sempre ne è affascinato. Ma un brutto giorno, nel corso delle riprese che sta terminando per un factual sul soccorso alpino, viene coinvolto in un brutto incidente e nei giorni successivi, mentre cerca di riprendersi lentamente, viene a sapere di un triplice omicidio avvenuto durante un’escursione. Un delitto senza colpevole; e inoltre, nel paese vige l’omertà. Nessuno ne vuole parlare. Decide allora di indagare e di scavare nel passato: quello che troverà sarà devastante e rischierà di perdere tutto ciò che ha più caro, per scoprire la terribile verità. Luca D’andrea ci mostra con questo thriller come può essere messo a nudo il cuore di un uomo e cosa è disposto a fare e a rischiare per conoscere la verità tanto crudele e devastante.

Per essere il suo romanzo d’esordio, devo dire che è decisamente ben fatto. La trama, anche se all’inizio è forse un po’ troppo prolissa, va a coinvolgere nelle pagine successive. La scrittura è piacevole e ben delineata: Luca D’Andrea ha una grande capacità di raccontare e appassionre il lettore. Non stiamo parlando del classico thriller, ma di una storia piena di tensione, di scoperte e di rivelazioni inaspettate, con un finale a dir poco pazzesco e sicuramente non scontato. Mentre lo si legge, ci si aspetta un evento che nasce nella nostra mente, ma si viene spiazzati per la diversità di ciò che realmente succederà. Luca ha veramente una grande fantasia nel raccontare la sua storia e mi ha colpito molto. Un libro da divorare in poche ore.Veramente notevole questo romanzo d’esordio che consiglio vivamente a tutti gli amanti del genere.

Bravo Luca. Ora aspettiamo con ansia il prossimo libro.

Precedente Hardcore! - Il film in prima persona è uno sparatutto unidirezionale. Successivo Jackie - Il film biografico di Larraìn ci consegna una Natalie Portman da Oscar.

Lascia un commento

*