Bruciata viva. Vittima della legge degli uomini – Recensione

Bruciata viva. Vittima della legge degli uomini – Recensione

BruciataRecentemente, ho letto tutto d’un fiato “Bruciata viva”, libro autobiografico edito in Italia nel 2007. Suad una giovane donna della Cisgiordania, un brutto giorno, mentre è intenta a lavare il bucato nel cortile di casa, viene aggredita brutalmente.

Le viene gettata addosso benzina e  dato fuoco.

A compiere questo mostruoso gesto sono proprio i compomenti della sua famiglia che vogliono punirla per essere rimasta incinta prima del matrimonio, una sorta di delitto d’onore.

Nel villaggio dove  Suad vive, le donne non possono andare a scuola, non possono vestirsi a loro piacimento, non possono uscire senza essere accompagnate e soprattutto non possono innamorarsi. Nonostante le ustioni che la ricoprono la donna si salva e grazie all’aiuto di una organizzazione umanitaria fugge in Europa.

Al sicuro lontano da quella terra così ostile per le donne, la nostra eroina, con una maschera che le protegge e nasconde il volto deturpato, racconta la sua storia a tutto il mondo.

Un romanzo che commuove e sconvolge perchè parla di una vita purtroppo reale fatta di sofferenza e paura.

L’autrice che attualmente vive in una località segret,a per ovvi motivi, ci racconta il suo percorso, lungo e difficile, ostacolato ad ogni passo da eventi che la rendono consapevole, che nonostante tutto  non sarà mai libera.

Scritto in modo fluente e scorrevole, “Bruciata viva” è un romanzo che coinvolge e sconvolge la mente e dà un’ampia visione di come si può vivere in condizioni disperate, e di come la figura femminile sia da sempre vittima di leggi e “abitudini” che ne fanno delle donne delle schiave ad  uso e consumo degli uomini che le considerano “oggetti” di loro proprietà.

Un libro da leggere e da rileggere, perchè fa riflettere e pensare.  Lo consiglio vivamente a tutte quelle persone che sottovalutano la violenza psicologica e non che un uomo o le leggi possono fare ad una donna, brutalizzandola nel corpo e nell’anima.

Se gli dovessi dare un voto sicuramente è un 10 pieno. Complimenti a questa straordinaria donna che ha saputo risalire la china con un eccezionale coraggio ma anche con tanta umiltà.

Teresa Breviglieri

Precedente Paganini Rockstar Successivo Intervista ai Senketsu No Night Club per l'uscita di Shikkoku

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.