IT ( king) Intervista impossibile a MIke Hanlon

It Stephen King Intervista impossibile a Mike Hanlon (Matteo Melis) 

 

D: Quando sei rimasto a Derry prima del ritorno di IT ( Pennywise) alla prima sparizione di un bambino cosa hai pensato?

R:Portavo i piatti al lavello: Mi son caduti, colto da un brivido profondo, una sensazione di gelo abissale che al confronto il clima della regione siberiana è un caldo da giungla tropicale, le gambe mi si sono fatte molli ed ho rischiato di svenire, in un attimo mi sono sentito tornare indietro di ventisette anni e irrazionalmente ho avuto la certezza sul suo ritorno.

it

D:Perché non hai parlato con qualcuno?

R:Chi mi avrebbe creduto? Chi si sarebbe bevuto che un demone mutaforma, un vampiro psichico della peggior specie e probabilmente il Diavolo in persona, fosse tornato dopo ventisette anni a nutrirsi dei nostri bambini dopo che io e i miei amici credevamo che fosse morto, per quanto avessimo comunque messo in conto un’eventualità del genere?!

D:I genitori delle vittime?

R:In un’era razionale come la nostra, dopo secoli di evoluzione scientifica sempre più avanzata, non mi avrebbe dato retta nessuno, considerata anche la volontà che It è riuscito ad imporre sempre anche nei suoi periodi di sonno.

D: Secondo te perché Pennywise ha lasciato la foto di Georgy sul luogo del delitto?

R:Penso l’abbia fatto per farmi capire che lui fosse vivo e l’unico responsabile, solo io e gli altri avremmo potuto cogliere il significato di quella foto.

it

D:Una sfida quindi?

R:It aveva paura di noi, ma come chiunque si senta debole, si nasconde per farsi forza dietro una maschera di arroganza, così ha fatto pure lui.

D: E tu non avevi paura di lui?

R: Certo, ci siamo trovati di fronte a qualcosa di molto peggio di Henry Bowers e Patrick Hostetter, le loro al confronto erano spacconate da quei ragazzini che erano.

D:Intendevo da adulto quando hai capito che era tornato

D:Era il peggiore degli incubi, ma a differenza del povero Stan ho avuto la forza di fronteggiare la situazione.

R:Tu sei rimasto, hai mai pensato di andartene come avevano fatto gli altri?

D:Ogni giorno, ma sentivo un forte imperativo morale che mi costringeva a restare, adesso capisco il perché.

D: A breve uscirà nelle sale cinematografiche un film su It? Cosa pensa di questa iniziativa?

R: A Settembre 2017 uscirà un film su It, anzi, addirittura in seguito ne arriverà anche un altro! Non sono così lieto di questo, ero riuscito a riconquistare un minimo di tranquillità e pace e questo rischia di mandare tutto all’aria. Oltretutto, penso che nemmeno lui ne sarà felice, per quanto non disdegni manifestazioni fisiche è sempre stato vigliacco e meschino, ha agito nell’ombra, viveva nelle fogne manovrando le menti e le vite di noi cittadini di Derry anche quando ne eravamo inconsapevoli. Spero che il film non lo faccia arrabbiare, perché quando si arrabbia diventa cattivo…

…….Galleggiano Georgie… Galleggiano… and quando sarai quaggiù, con me… GALLEGGERAI ANCHE TU!

Lasciatevi andare. Siate impauriti. Voi tutti avete un sapore tanto migliore quando siete impauriti.

Vuoi un palloncino?

Siete troppo vecchi per fermarmi! Siete tutti troppo vecchi.

Vi ucciderò tutti!!

It il film 2017

Precedente Tiziano in una Venezia inosservata articolo di Sandra Barosi Successivo Intervista esclusiva a Vincenzo Maimone per I Gufi Narranti

Lascia un commento

*