Sono Tornate le pecore di Elisabetta Baraldi (Gilgamesh Edizioni)

Sono Tornate le pecore di Elisabetta Baraldi (Gilgamesh Edizioni)

 

pecore“Sono tornate le pecore” di Elisabetta Baraldi (Gilgamesh edizioni) è un libro sorprendente, molto intenso ed emozionante, molto profondo per le tematiche che va ad affrontare e molto garbato nel modo di raccontarle.  Al centro della storia c’è Olga e tutto intorno a lei ruotano, come pianeti intorno al sole, personaggi minori, molto ben caratterizzati, che danno alla storia la giusta consistenza. L’elemento che fa da filo rosso in tutto il romanzo è senza dubbio l’emozione, o per meglio dire tutto l’arco di emozioni che Olga deve sperimentare ed affrontare, nel corso della sua, non certo semplice, esistenza. È un romanzo che parla di sentimenti, che parla di destino, che attraverso Olga e le donne che le raccontano le loro storie dipinge ritratti di amori impossibili, di forme di amore distorto, di amore violento e amore toccato e perduto. Anche la protagonista sperimenta l’amore su se stessa, quello vissuto intensamente e poi perduto improvvisamente ma mai scordato, mai lasciato andare. Olga è un personaggio molto complesso, un personaggio che vive un’infanzia di miseria sia fisica che umana, senza avere l’opportunità di sperimentare l’amicizia, il gioco, il divertimento, quella gioia di vivere che è propria del bambino.  L’isolamento e la solitudine sono il suo mondo, unico amico è il suo mazzo di tarocchi nel quale riesce a vedere le vite degli altri. È un romanzo che parla molto al mondo femminile e del mondo femminile esplorando i cuori e le anime di quell’universo così difficile da comprendere appieno. Nonostante sia rivolto al mondo delle donne è sicuramente interessante anche per un lettore maschile che ne potrà trarre sicuramente spunti di riflessione importanti. La scrittura è profonda ma mai pesante, le descrizioni dei luoghi e delle persone è molto precisa, puntuale ma mai noiosa o stucchevole. Elisabetta Baraldi ha creato un personaggio davvero particolare che non uscirà facilmente dai cuori e dalle menti dei lettori che avranno la fortuna di incrociare il suo mondo.

David Usilla

Precedente Hermann Hesse - Il lupo della steppa - Recensione di Eloisa Ticozzi Successivo Intervista a Elisabetta Baraldi “Sono tornate le pecore” - Gilgamesh Edizioni

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.