Smartphone delle mie brame… – Massimiliano Irenze (Prospettiva Editrice)

Smartphone delle mie brame. Psicologia della società moderna – Massimiliano Irenze (Prospettiva Editrice)

 

A pochi mesi dalla pubblicazione del suo ultimo romanzo, Dietro la notte (edito da Elison Publishing), torna alla ribalta delle cronache letterarie Massimiliano Irenze e lo fa con un libro sorprendente, molto interessante ed attuale, “Smartphone delle mie brame. Psicologia della società moderna” (Prospettiva Editrice). Inutile nascondere che, vista la natura e la quantità dei temi trattati, questo sia un libro sicuramente complesso anche se poi in realtà si rivela essere alla portata di tutti coloro che hanno la voglia di fermarsi a riflettere sul periodo che stiamo vivendo e su come lo stiamo vivendo. Nella prima parte di questo libro l’autore ci porta a riflettere su diversi aspetti del nostro vivere quotidiano partendo dall’uso smodato dello smartphone fino ad arrivare al bullismo, allo stalking, al femminicidio, al conformismo, al fenomeno degli haters, e a come si è reagito e si sta reagendo al famigerato virus Covid-19. L’autore fa una premessa importante all’inizio del libro quando, a mio avviso giustamente, precisa che lui è uno psicologo ed uno psicoterapeuta per sgombrare il campo dal dubbio che le parole da lui vergate possano essere derubricate a riflessioni da bar quando in realtà sono il frutto delle sue esperienze professionali, opinioni supportate da studi specifici e approfonditi. Non a caso la seconda parte del libro Irenze ci porta ad analizzare due casi clinici reali vissuti da lui nelle vesti di psicoterapeuta per spiegare in maniera concreta quanto argomentato nelle pagine precedenti. In questo libro si trattano in maniera schietta e senza filtri  quelli che sono i problemi psicologici che affliggono la società moderna, ponendo l’accento ad esempio su una diffusa mancanza di pensiero critico che fa sì che le persone si schierino in maniera “apprescideristica” per l’opinione della figura a se più vicina senza prendersi il disturbo di analizzare nel concreto l’opinione stessa. Ci sono capitoli molto importanti,  in cui si indagano piaghe quali bullismo, femminicidio, haters, stalking e mobbing analizzando l’origine del male e la sua manifestazione dando al lettore un grande aiuto a contestualizzare e a comprendere fino in fondo questi fenomeni.  È  un’analisi di tematiche così complesse ma anche così attuali e cosi condizionanti nelle dinamiche della nostra società sia stata trattata con estrema professionalità, competenza ma soprattutto in maniera tale da essere facilmente comprensibile a tutti. Questo libro è un viaggio per comprendere noi stessi e gli altri, per capire i meccanismi psicologici per cui facciamo certe scelte, sosteniamo determinate opinioni, ci poniamo in un certo modo verso gli altri, poniamo in essere certi comportamenti. Credo che questo sia uno di quei libri importanti nella vita di una persona perché si pone come spartiacque dell’esistenza. C’è un prima ed un dopo la lettura di quest’opera e credo che il lettore esca da questo viaggio arricchito nella sua consapevolezza in quella del mondo che lo circonda. Non vi auguro buona lettura questa volta ma buon viaggio.

David Usilla

Precedente Recensione: Le Macchinazioni di Baret Magarian (Ensamble) Successivo Papè Satan, Pluto e Dante - Approfondimento di Sandra Pauletto 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.