Recensione: Terminator – Il tempo è una macchina – Golem libri

Recensione: Terminator – Il tempo è una macchina – Golem libri 

Per i non addetti ai lavori e per molti  di coloro che, si avvicinano ai films e al cinema, con il solo scopo di passare qualche ora lontano dalla realtà quotidiana quasi spegnendo il cervello per un po’, sentir parlare della Saga (se così possiamo chiamarla)  “Terminator”, fa scattare nella loro testa  l’associazione: Terminator – Schwarzenegger,  americanata, film per adolescenti dai contenuti minimi e superficiali.

Niente di più sbagliato! Se non credete a me leggete il saggio “Terminator il tempo è una macchina”  e resterete esterrefatti.

 

Andrea Guglielmino sviscera tutta la saga dal primo episodio fino all’ultimo, dando per scontato che chi si avvicina al suo saggio conosca bene la storia e l’abbia vista nella sua integrità.

Alla luce di questo, il lettore viene avvisato, nel saggio  non  si fa alcuna attenzione a spoilerare le trame anche a volte nei dettagli, cosa del resto fondamentale per poter scrivere un testo così articolato ed esaustivo.

 

“Terminator il tempo è una macchina” ti porta a riflettere anche su concetti filosofici che guardando il film sicuramente non si son colti, o almeno non con così tanta profondità e attenzione,  mi chiedo se lo stesso James Cameron fosse consapevole di quanti approfondimenti e riflessioni abbia generato la sua opera e le tematiche trattate, su tutte sicuramente il tempo, ma anche l’intelligenza artificiale, la fusione tra uomo e la macchina e il rapporto tra uomo e macchina.

Ricordo per chi non lo sapesse che il primo Terminator è uscito ben 35 anni fa, l’11 gennaio 1985 quando certe realtà erano ancora considerate pura fantascienza, mentre ora già ci sembrano più plausibili.

 

Il saggio di Guglielmino per chi conosce l’autore solo per  la “sezione fumetti”, ha una sua difficoltà di lettura, dovuta al fatto che chi scrive, padroneggia l’argomento al punto da lasciarti di tanto in tanto spiazzato, perché i suoi ragionamenti sono degni di un filosofo maieutico.

A mio avviso “Terminator il tempo è una macchina”, è il libro che non ti aspetti, ma dal quale una volta letto non puoi fare a meno, e  e in riguardare tutta la saga di Terminator tenendolo a disposizione per sfogliarlo viene naturale, quindi buona lettura e…. buona visione!

Sandra Pauletto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.