Recensione: “Realtà nascoste” – Caterina Boccardi – Dialoghi edizioni

Recensione: Realtà nascoste – Caterina Boccardi – Dialoghi edizioni

 

Il romanzo shock di Caterina Boccardi tratta un argomento purtroppo sempre più spesso agli onori della cronaca: lo stalking.

Ciò che è racchiuso in “Realtà nascoste” è un incubo che arriva nella vita della protagonista come un fulmine a ciel sereno, che la sconvolge  la mette davanti all’evidenza di quanto, chi si trovi in queste situazioni, è spesso da solo, perché gli altri sottovalutano o hanno le mani legate, come spesso accade alle forze dell’ordine.

 

Il romanzo che inspiegabilmente si sviluppa su poche pagine, ha come intento voler essere da monito per tutte quelle donne, ma non solo, che sono vittime di stalker, di amori ossessivi, o precisamente di vere e proprie ossessioni che niente hanno a che fare con l’amore.

Argomento sicuramente coraggioso in cui spero l’autrice non sia stata coinvolta direttamente.

Ci sono molti modi per affrontare lo stalking in un romanzo, quello di Caterina Boccardi è uno dei tanti possibili.

 

Ben vengano libri come Realtà nascoste di Caterina Boccardi edito dalla Dialoghi edizioni che mettono in guardia un po’ tutti sul fenomeno dello stalking da cui nessuno può ritenersi immune, infatti  la protagonista del romanzo non è una persona famosa o particolarmente in vista, eppure è caduta sotto gli occhi della persona sbagliata e ne resta impigliata come la mosca sulla ragnatela.

È un libro che si legge velocemente e che proprio per questo non lascia addosso troppa ansia, come ci si aspetterebbe da un romanzo dalla tematica simile.

Ottimo quindi per affrontare l’argomento anche a chi non ama le storie troppo angoscianti, ma neanche ama leggere trame troppo lontane dalla realtà del mondo odierno, perché la lettura può far conoscere indirettamente esperienze che accrescono anche solo venendone a conoscenza,  senza doverle fortunatamente vivere sulla propria pelle ma attraverso quella dei protagonisti.

Teresa Breviglieri

 

Precedente Silloge: “Mi arrampicavo sugli alberi” di Biagio Cipolletta Successivo Antifurto. Una storia di mutanti di Ricky Avataneo (Sillabe di sale editore)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.