Recensione: Orfani del tramonto – Renzo Saffi – Alter Ego edizioni

Recensione orfani del tramonto Renzo Saffi Alter Ego edizioni

 

Orfani del tramonto è un romanzo di Renzo Saffi,  ambientato Trieste.

La Trieste che fa da sfondo ma non invade, compare qua e là con qualche squarcio, che i triestini come me, non possono che apprezzare.

Un romanzo crudo, diretto, come purtroppo spesso è la vita.

Una storia familiare complicata, dove il disagio sociale è ben presente in tutto il suo squallore.

Ma è possibile forse, in qualche caso, che dietro a degli atti di violenza ci sia una motivazione benefica?

la vita del protagonista è sempre tesa sul filo tra il bene e il male, come se nella sua testa ci fossero i classici due consiglieri: angelo e diavolo,  in lotta fra loro, dove tutto sommato non è chiaro chi abbia la meglio.

il romanzo è potenzialmente strutturato su due piani quello reale e quello che potremmo definire onirico, ma con il beneficio del dubbio.

Renzo Saffi ha saputo sfruttare questo escamotage, creando una specie di fiaba che si intervalla tra le pagine del romanzo integrandolo, e offrendo al lettore uno squarcio nel silenzioso mondo del figlio autistico del protagonista.

Nel romanzo “Orfani del tramonto” è presente la miseria umana, figlia dei vizi che ne controllano la vita, ma anche la speranza, la solidarietà e l’amore, quello per il quale si è pronti a tutto, anche a credere all’impossibile o a farlo avverare.

Romanzo incalzante in cui non mancano i colpi di scena, su tutti uno, che accidenti  non me l’aspettavo proprio e ci sono rimasta malissimo.

La figura femminile del romanzo,  sembra a suo modo una  vittima,  ma in realtà ha forza da vendere.

Il libro è  fortemente consigliato, perché ti porta agli inferi, ma con un biglietto di andata e ritorno. Ti fa riflettere e sperare e alla fine… beh sul finale non c’è proprio niente da aggiungere, una conclusione potenzialmente inaspettata ma che chiude il cerchio, e non solo metaforicamente.

Orfani del tramonto è l’ennesima dimostrazione che, come sempre più spesso accade, gli editori indipendenti hanno coraggio e pubblicano romanzi di qualità che meriterebbero maggior visibilità.

Sandra Pauletto

Precedente Recensione: “Pensieri stropicciati” silloge di Silvana Tosatto Successivo N. O. D. - N. O. D. (EP) - La civiltà che non andrà oltre domani.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.