Recensione: Nessun nesso di Federico Fabbri (Les Flaneurs Edizioni)

Nessun Nesso di Federico Fabbri (Les Flaneurs Edizioni)

Torna in libreria Federico Fabbri, lo fa con “Nessun Nesso” (Les Flaneurs Edizioni), lo fa decidendo di devolvere l’intero ammontare dei diritti d’autore alla Lega Italiana Fibrosi Cistica Romagna Onlus. Con questo libro Federico Fabbri si conferma ottimo scrittore, in questo caso pure di thriller, molto bravo nel coinvolgere il lettore al punto da farlo sentire parte integrante della trama. Il romanzo segue le indagini del commissario Santo Fabbri e dell’ispettore Riccardo Tegon impegnati a trovare e fermare un pericoloso serial killer che sta uccidendo bambini apparentemente senza seguire uno schema preciso.

Tutto inizia con il ritrovamento di un braccio che spunta dalla terra, un piccolo giovane braccio di bambina. Come è normale che sia questo ritrovamento sconvolge la vita del piccolo paesino di provincia teatro di questa macabra scoperta,  e sconvolge la vita del team di investigatori chiamati a scoprire l’identità della perversa figura che si cela dietro a tutto questo male, a tutto questo orrore, a tutta questa inusitata violenza.

Quella che Fabbri e Tegon si trovano ad affrontare è una corsa disperata contro il tempo, una corsa fatta di false piste e falsi indizi, di dubbi, di disperazione e di frustrazione. Il serial killer sembra avere sempre il coltello dalla parte del manico, sembra avere il potere di manipolare tutto e tutti,  imprendibile, sempre un passo avanti agli investigatori. Sembra che dietro la sua violenza non ci sia nessuno schema, che tra le vittime non ci sia nessun nesso, che in questa partita tra bene e male non possa che essere quest’ultimo ad uscirne vincitore.

Il ritmo è serrato, la scrittura è fluida e tiene il lettore attaccato alle pagine distillando con sapiente maestria indizi e colpi di scena.

All’inizio di ogni capitolo c’è una citazione da un po’ il titolo al capitolo stesso, dettaglio molto piacevole ed accattivante.

Il finale regala il colpo di scena inaspettato, imprevedibile, a sottolineare come la malvagità può nascondersi ovunque dietro ogni angolo, dietro ogni anima,  anche forse dietro alla figura più insospettabile.

Personalmente ho apprezzato ogni pagina del libro, il modo in cui l’autore ha sviluppato la trama, la bravura del far muovere ogni personaggio all’interno della storia in maniera molto coerente ed efficace come un esperto burattinaio fa con le proprie marionette.

Alla fine ogni nodo viene al pettine, ogni mistero viene svelato e nessuna domanda rimane senza risposta.

Un applauso sincero Federico Fabbri per l’ottimo lavoro e un grande applauso anche a Les Flaneurs Edizioni che, come ormai da tempo ci ha abituato, sa sempre porre all’attenzione dei lettori delle vere e proprie perle letterarie.

Ricordandovi nuovamente che l’intero importo delle vendite sarà devoluto alla Lega Italiana Fibrosi Cistica Romagna Onlus, a questo aggiunta la qualità del romanzo, non possiamo che invitarvi a comprarlo,

David Usilla

 

Precedente Recensione silloge: “Le scarpe del flâneur” - con intervista al poeta J. Rizzo - Ensemble edizioni Successivo Claudia Mereu Il mondo a culo in susu: Quando l’amore non ti lascia morire in pace

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.