RECENSIONE – MARIANI E LE GIUSTE SCELTE – MARIA MASELLA (FRATELLI FRILLI EDITORI)

RECENSIONE – MARIANI E LE GIUSTE SCELTE – MARIA MASELLA (FRATELLI FRILLI EDITORI).

 

scelte

Maria Masella è un’autrice che per gli amanti del noir italiano non ha bisogno di presentazioni. Oggi recensiamo il suo libro “Mariani e le sue giuste scelte”, capitolo 21 della serie, amatissima dei lettori della casa editrice Fratelli Frilli.

La scena si apre sull’ennesima alluvione di Genova e sul ritrovamento di un cadavere seviziato dalla fame dei gabbiani.

Oltre alla presenza del giallo di cui la Masella è Maestra, si affronta la delicata questione di chi vive in un corpo di cui non si accetta il genere e vuole cambiarlo.

Come l’autrice ci ha abituato, il libro alterna momenti di investigazione e azione, con momenti introspettivi del protagonista, che per apprezzare a pieno, sarebbe utile (ma verrà spontaneo) leggere anche i libri precedenti, per quanto la lettura non sia indispensabile per poter leggere il volume singolarmente.

Mariani e le giuste scelte è condito da un sottofondo musicale più volte presente nel corso del romanzo (Habanera della Carmen di Bizet).

In “Mariani e le giuste scelte” c’è un cambio della guardia tra i personaggi storici della serie con l’entrata in scena, inizialmente in punta di piedi, di Lorenza Petri. Il romanzo, come lo stato d’animo del protagonista, è piuttosto “malinconico” e il tutto è reso magistralmente ancora più d’affetto dalla presenza costante della pioggia.

Riuscirà il Commissario Mariani a trovare chi ha ucciso la povera creatura?

E l’uomo Mariani sarà capace di venire a capo della sua vita dandone finalmente il senso che non trova?

Non ci rimane che metterci comodi e tuffarsi tra le pagine da Mariani e le giuste scelte per scoprirlo.

Attenzione perché se per voi è la prima volta che leggete un libro di Maria Masella non ne potrete più fare a meno!

Il libro è disponibile sia in formato cartaceo che digitale sulla migliori piattaforme on line

David Usilla

Precedente Black Mirror - Prima Stagione - Il progresso tecnologico spaventa. Successivo Le macabre decorazioni di San Bernardino alle Ossa - Gabriele Luzzini

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.