Nostri amici da Frolix 8 – Philip K. Dick – Recensione

Nostri amici da frolix 8 di Philip K. Dick

frolixNella prolifica opera di Dick, questo breve romanzo è senza dubbio uno dei meno conosciuti e atipici. Pubblicato nel 1970, solo pochi anni dopo alcuni dei suoi lavori considerati capolavori (Labirinto di morte, Ubik, Ma gli androidi sognano pecore elettriche?), viene considerato a ragione un racconto parodistico, nel quale spiccano autocitazioni ai suoi precedenti romanzi e strizzatine d’occhio a ingenui film di fantascienza degli anni cinquanta.

La trama di “Nostri amici da Frolix 8 ” è semplice quanto tetra: in un futuro prossimo venturo, il mondo è diviso per “genere” in un sistema piramidale non tanto diverso dalla nostra realtà. Alla base ci sono gli Uomini Vecchi, cioè i normali cittadini, che vivono di umile lavoro e hanno case accessoriate per la semplice sopravvivenza; mentre il potere politico ed esecutivo è prerogativa assoluta degli Uomini Nuovi, una minoranza di individui intellettualmente superdotati, forniti di teste sproporzionate e un’intelligenza che va oltre ogni immaginazione. Esiste una terza categoria, meno osannata degli onnipotenti Uomini Nuovi ma altrettanto temibile: quella degli Insoliti. Gli Insoliti leggono il pensiero di chiunque si trovi nei loro paraggi.

Il Presidente del Consiglio, massima autorità su questa terra bislacca, è un Insolito, ed è anche la figura più spassosa e volutamente umoristica del libro. Il Presidente governa il mondo dal suo ufficio, provvisto di un enorme letto dove trascorre praticamente la giornata. E’ un uomo umorale, vendicativo, capriccioso, lussurioso e pigro. Pretende che ogni singolo cittadino sia osservato e controllato in ogni aspetto della vita, in modo da scovare i ribelli, o Uomini Nascosti, e deportarli negli immensi campi di “riabilitazione” che il governo ha disseminato un po’ ovunque, perfino sulla luna.

Perché tanto accanimento verso un manipolo di ribelli, che si limitano perlopiù a stampare e vendere sottobanco opuscoli scritti da Cordon, una specie di messia galeotto? Il motivo è svelato già dalle prime pagine: dieci anni prima, un uomo di nome Provoni, considerato sovversivo e collaboratore di Cordon, è fuggito nello spazio a bordo di una navicella scalcagnata, promettendo all’umanità di tornare in compagnia di alieni disposti a scalzare il governo degli Uomini Nuovi e riportare l’uguaglianza sulla terra. Nonostante gli sforzi del sistema militare, Provoni non è mai stato avvistato o catturato. Alcuni pensano che sia morto proprio come Dio (la cui carcassa è stata trovata nello spazio, un essere ultraterreno ormai deceduto e galleggiante), altri, anche grazie alla speranza che Cordon continua a mantenere viva coi suoi scritti, sono certi che non manchi molto alla tanto sospirata liberazione. In questo terribile scenario, che ricorda il governo di 1984 di Orwell e anche quello de Il mondo nuovo di Huxley, si muovono variegati personaggi completamente assorbiti dalla loro routine: il protagonista Nick Appleton e la sua famiglia, Denny lo “spacciatore” di opuscoli e Charley, la ragazzina sedicenne che crede di poter lottare contro il sistema. Gli Uomini Vecchi hanno a disposizione drogabar e pillole di allucinogeni a volontà, mentre l’alcool è considerato una sostanza illegale, il cui uso è punibile con l’arresto. Possono accedere ai test governativi per dimostrare di avere potenza intellettiva da Uomini Nuovi, ma i test sono una farsa: in realtà il governo non ha alcuna intenzione di rinfoltire la classe dominante.

Tutto sembra procedere ordinatamente in questa realtà futuristica, finché accade l’improbabile: dallo spazio giunge un messaggio di Provoni, che annuncia il suo imminente ritorno sulla terra. E non è solo, ha portato con sé alcuni alieni dal pianeta Frolix 8. Le solide basi della terra cominciano a vacillare: come su una scacchiera gigante ogni personaggio farà la sua mossa senza considerare troppo le conseguenze, fino a giungere ad un finale che può avere più di una chiave di lettura, ma che in fondo rimanda sempre alle stesse domande universali: chi è il vero cattivo? Dove comincia e dove finisce la giustizia? La piètà può impedire alla razza umana di commettere sempre gli stessi errori?

Nostri amici da Frolix 8 di Philip K. Dick  è consigliatissimo per immergersi in una fantascienza “divertente” ma chenallo stesso tempo fa riflettere.

Didi Agostini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.