Mamma Roma – Una ex prostituta cerca di farsi strada nella società romana.

Mamma Roma

Anno: 1962

Ttitolo originale: Mamma Roma

Paese di produzione: Italia

Regia: Pier Paolo Pasolini

Produttore: Alfredo Bini

Cast: Anna Magnani, Ettore Garofolo, Franco Citti, Silvana Corsini, Luisa Loiano, Paolo Volponi, Luciano Gonini, Vittorio La Paglia, Piero Morgia, Leandro Santarelli, Emanuele Di Bari, Antonio Spoletini, Nino Bionci, Roberto Venzi, Nino Venzi, Maria Bernardini, Santino Citti, Lamberto Maggiorani, Franco Ceccarelli, Marcello Sorrentino, Sandro Meschino, Franco Tovo, Pasquale Ferrarese, Renato Montalbano

Prostituta romana, Mamma Roma decide di cambiare vita nel giorno di nozze del suo pappone, Carmine. Con i risparmi acquista un banco sul mercato e convince il figlio Ettore, burino del paese di Guidonia ed inconsapevole dei trascorsi della madre, a seguirla a Roma per ottenere un posto nella società ed abbandonare il sottoproletariato. Nonostante Mamma Roma faccia di tutto per guadagnarsi da vivere e per garantirgli un futuro, talvolta con metodi scorretti e sconsiderati, Ettore inizia a frequentare dei furfanti che si divertono rubando. Questo lo porterà all’autodistruzione.

Dopo Accattone (1961) diventa chiaro che per Pasolini la condizione dei sottoproletari è un inferno da cui è praticamente impossibile uscire. L’unico orizzonte auspicabile sembra un sentiero decadente, miserabile e colmo di sofferenza.

Mamma Roma (Anna Magnani) e Ettore (Ettore Garofolo).

Anche Mamma Roma dunque funge da spaccato della realtà meno abbiente e campagnola della romanità, povera e disgraziata ma comunque fiera dei propri valori. La stessa in cui i ragazzini girovagano incontrollati emulando il guardaroba di un qualsiasi criminale. Ragazzini che nemmeno sanno quello che fanno le loro madri, come Ettore con la sua Mamma Roma, che una volta sul piede di partenza per abbandonare gli scandalosi precedenti, non conosce altra ragione al mondo che educare il figlio, renderlo dignitoso per la società ed inseguire un’ideale prettamente borghese. Ma una volta giunti a Roma il destino di Ettore sembra ormai segnato. Non vuole lavorare, preferisce dormire, oziare con gli amici, correre appresso a Bruna, moglie e mamma che non sgradisce la compagnia dei ragazzi, e all’occasione rubare. Mamma Roma, per il bene che gli vuole, architetta anche un inganno al proprietario di un ristorante per convincerlo ad assumerle il figlio. Pasolini ancora una volta si dimostra abile costruttore di simili drammi, mettendo tutto nelle mani del realismo e di una indolente romanità, ma anche nella forza e nello spirito di Mamma Roma, interpretata da un’immensa Anna Magnani. Qualità che invadono tutto il cast e rivestono il film di una magia incontenibile, nonostante il messaggio non sia per nulla incoraggiante.

Zanini Marco

Precedente Intervista a Luca Vagnato - Scritto con il Sangue Successivo “GAIJIN” – di Maximiliano Matayoshi - Edito da Funambolo Edizioni

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.