L’Ultima Punitrice di Maria Tronca (Les Flaneurs Edizioni)

L’Ultima Punitrice di Maria Tronca (Les Flaneurs Edizioni)

punitriceCon il suo ultimo romanzo, L’ultima punitrice (Les Flaneurs Edizioni), Maria Tronca ci porta ad esplorare tante storie in una sola storia. Prima di tutto, come fosse un diario, ci fa raccontare dalla protagonista, Ninfa Cusimano, la sua vita dalla tenera età fino ai quarant’anni. In questo racconto troviamo descritti tutti i sentimenti, le emozioni, i tormenti, le paure, le aspettative, le illusioni e le disillusioni con cui ,chiunque di noi,l è dovuto venire a patti nel corso della propria vita. Gli amori non corrisposti, le gelosie, le amicizie nate e poi deflagrate in odio apparentemente inspiegabile, le amicizie per tutta la vita, gli amori di un’estate e tutte le emozioni che questi sentimenti implicano. Ninfa però deve fare i conti ad un certo punto con un mondo sconosciuto, antico, fatto di magia e di mistero. Guidata dall’amata nonna Dorina entrerà a contatto con il suo destino di guaritrice e punitrice. Un mondo, non solo di rimedi per ogni malanno del fisico e dello spirito fatti a base di erbe, ma anche di riparazione ad atti di ingiustizia e di sopraffazione. La nonna infatti è una punitrice e Ninfa è destinata a seguirne le orme.

In tutto questo c’è lo spirito della Vecchia che ogni tanto fa visita alla nostra protagonista durante il sonno per consigliarla su come affrontare il suo particolare cammino o per rimproverarla laddove le sue scelte fossero discutibili.

La figura della Vecchia non mancherà certamente di incuriosire ulteriormente il lettore che si troverà catapultato ad un certo punto in un mondo al limite tra realtà e magia.

Intorno a questa storia centrale, ruotano una grande quantità di storie, come fossero tanti pianeti che ruotano intorno al Sole.

Ogni personaggio meriterebbe una storia per conto suo, da Nino a Barbara, dalla stravagante Marlene ad Antonella, senza contare tutte le altre figure che si nel corso del tempo incrociano la strada di Ninfa.

La cornice di questo quadro già così accattivante è di grande qualità.

La storia si sviluppa soprattutto tra Palermo e Mondello e ci racconta di uno scorcio di Sicilia affascinante, assolata, e legata a tradizioni secolari tramandate di padre in figlio.

Maria Tronca riesce a tessere in maniera magistrale una trama avvincente, mai banale, e nella quale l’elemento magico non è mai eccessivo tanto da far perdere di veridicità la storia.

Non mancano sputi di riflessione sulla nostra vita, sulle nostre scelte, ci sono momenti in cui comprendiamo che il mondo, come lo vediamo noi, le persone, per come le vediamo noi,non sono che apparenza rispetto alla loro natura.

Quanto la realtà alla fine avrà il sopravvento e le carte verranno scoperte, il lettore si troverà davanti ad uno scenario nuovo, uno scenario che non aveva previsto e che riscrive interamente la storia e che ci fa vedere tutto sotto una nuova luce. Alla fine si ha la sensazione di camminare su uno specchio rotto e la realtà riflessa cambia in base a come sono rivolti i vari pezzi.

Come ormai da piacevole abitudine, Les Flaneurs Edizioni, ci fa scoprire una grande artista, una scrittrice con i fiocchi di cui credo sentiremo parlare ancora e bene. Ormai questa casa editrice ci ha abituati al fatto di essere in grado di portare all’attenzione dei lettori dei piccoli tesori, delle pietre preziose per chi ama la lettura e per chi ha voglia di esplorare universi letterari fuori dalle solite proposte delle grandi major dell’editoria. Personalmente devo solo fare i complimenti per questo lavoro così importante di proposta editoriale.

David Usilla

Precedente PROROGATA UNIFORM • Into the work / Out of the work MAST A BOLOGNA Successivo Approfondimento Bombus Terrestris o Bombo comune

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.