Kever – Primordial Offerings (EP) – I signori del Karma

Kever – Primordial Offerings (EP)

Anno: 2018

Paese di provenienza: Israele

Genere: death metal

Membri: Chen Dahan – basso; Butcher – bass, chitarra e voce; Tom Cohen – chitarra; Asaf Meiden – batteria

Casa discografica: autoprodotto

  1. Introduction: Primordial Offerings
  2. Lords Of Karma
  3. Back From The Netherworld
  4. Act Of Oblation
  5. The Ceremony

Abitualmente quando ci si riferisce al death metal si pensa agli USA, capaci di sfornare i gruppi più celebri e sfavillanti del genere. Poi dispersi nel Mondo compaiono più o meno equamente in Inghilterra, Germania, Olanda, Italia ecc. altre compagini di alto livello. Il seme del male in musica attecchisce un po’ ovunque, perciò anche Israele non poteva rimanere escluso. I Kever suonano da qualche anno e per ora hanno pubblicato solo due EP, ma quello che annuncia questo Primordial Offerings è un futuro interessante. Quindi, fan del death metal, aprite bene gli occhi e dopo la recensione drizzate bene le orecchie, qui c’è pane per i vostri denti! Pur rimanendo nell’alveo più tradizionale del genere, sporcato con qualche istantanea doom, i nostri hanno un’idea chiarissima di come fare death metal. Lo si capisce subito dall’intro malvagio e tetro Introduction: Primordial Offerings, un ottimo viatico per approcciarsi a questo viaggio catacombale. Lords Of Karma rappresenta tutto il corpo concettuale dell’EP. Death metal violento e oscuro arricchito da un synth che invoca atmosfere misteriose e sacrileghe. L’ascoltatore si ritrova presto trasportato in una palude ricolma di odio, dove alla fine si scorgono assoli crepitanti e angosciosi.

La seguente Back From The Netherworld accentua il groove producendosi in una prosecuzione sempre più malevola. Dopo sfuriate degne di nota come queste Act Of Oblation si pone un po’ come l’unica battuta d’arresto del mini album, ma c’è ancora tempo per un ultimo granitico attacco. The Ceremony, con solennità e un piglio quasi doom, ci regala il momento più ispirato e denso di Primordial Offerings. Una gemma nera dalla grande carica ma anche dalla non trascurabile abilità compositiva. Prendendo spunto dal death metal più furente e buio i Kever tracciano le coordinate verso un avvenire che potrebbe colorarsi di tenebre inesauribili.

Voto: 9

Zanini Marco

Precedente UNA COSA SULL'AMORE Jeffrey Eugenides - Recensione Successivo Paganini Rockstar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.