Crea sito

Intervista a Salvatore Scalisi – di Teresa Breviglieri

Intervista a Salvatore Scalisi

 

Abbiamo da poco recensito il romanzo di Salvatore Scalisi “Linea 429” e abbiamo il piacere di

scambiare con l’autore quattro chiacchiere per conoscerci meglio.

 

Ciao Salvatore benvenuto sulle pagine de I gufi narranti, possiamo darci del tu?

 

Ciao Teresa, certo, con molto piacere.

 

Domanda: Dallo svolgimento del libro si arguisce che tu abbia una grande conoscenza dell’essere

umano in tutte le sue sfaccettature. C’è un interesse particolare verso la psicologia?

 

È una materia che mi affascina da sempre. Ho letto molto a riguardo, ma il vero interesse è maturato in modo inconscio. Insomma, è la vita che ti porta a riflettere e a farti tante domande sul mondo e sull’essere umano. Poi, è ovvio che ognuno di noi sfrutta la propria esperienza.

 

Domanda: Leggendo il libro ho notato che non ti soffermi molto nelle descrizioni, preferendo i

dialoghi e devo dire che è una particolarità che ho molto apprezzato. È una scelta mirata?

 

No, non è una scelta mirata. Ma è anche vero che in certi casi prediligo i dialoghi, i quali mi permettono di dare maggiore velocità al racconto, purché siano mirati e abbiano un senso allo sviluppo della storia, altrimenti si rischia di ottenere l’effetto contrario. Poi, sta allo scrittore capire quando eccedere nei dialoghi o viceversa.

Domanda: Ti è mai capitato di salire su un autobus e di ascoltare suo malgrado i dialoghi fra le

persone e di farti un’opinione personale al riguardo?

 

Sì, certo. Ora ci salgo molto meno, faccio lunghi tragitti a piedi, ma fino ad alcuni anni fa mi capitava spesso di salire sugli autobus. E in modo particolare, proprio sul 429 che mi portava fino a casa. È da qui che è nato lo spunto per scrivere il libro.

Domanda: Ti è successo di conoscere qualche personaggio simile a qualcuno dei protagonisti del

suo romanzo?

 

Sì, mio malgrado. Lo conoscevo perché era un assiduo frequentatore dei mezzi pubblici. Ed è quello che ha scatenato l’inferno su “Linea 429”. Per correttezza e rispetto del lettore non aggiungo altro.

Domanda: Qual è il lato delle persone che ti colpisce maggiormente?

 

In positivo, la semplicità e genuinità. In negativo, l’arroganza.

Domanda: Quando ha iniziato la tua carriera di scrittore?

 

Be’, come scrittore a tempo pieno, diciamo da più di vent’anni. Ma la passione per la scrittura l’ho avuta fin da ragazzo, in cui mi cimentavo a scrivere racconti e soggetti cinematografici.

Domanda: Ha già in cantiere un altro romanzo?

 

Sto per ultimare un racconto, che pubblicherò a gennaio. Vi do una piccola anticipazione. La storia è ambientata in un appartamento, in cui si confrontano un famoso scrittore e un suo accanito lettore, gli unici personaggi del racconto.

Grazie per la disponibilità, arrivederci a presto sulle pagine de I gufi narranti

 

Grazie a te. Per me è stato un onore.

 

 

Teresa Breviglieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.