I SUONI DEL SUD. LA MUSICA TRA I VICOLI DI NAPOLI P. Ponti A. G. D’ Errico – CTL Edizioni

I SUONI DEL SUD. LA MUSICA TRA I VICOLI DI NAPOLI

Peppe Ponti e Antonio G. D’ Errico – CTL Edizioni

Prefazione curata da Bruno Morelli

Peppe Ponti, coautore assieme ad Antonio G. D’ Errico del libro “I suoni del sud. La musica tra i vicoli di Napoli”, ha fra le sue varie passioni, come dimostra questo volume, il mondo della musica napoletana.

Nel libro “I suoni del sud” traccia il suo percorso umano e professionale, che lo ha visto collaborare con i grandi interpreti della musica partenopea tra i quali: Enzo Gragnaniello, Tony Esposito, James Senese, Enzo Avitabile, Roberto De Simone, Nino Bonocore e Tullio De Piscopo.

Con ciascuno di loro l’autore ha instaurato un rapporto che spesso va al di là dello scambio lavorativo trasformandosi in amicizia.

C’è in questo libro, la passione di un uomo che ha dedicato la vita alla produzione di opere dal grandissimo significato culturale, prima ancora che meramente musicale. Con la sua etichetta “I suoni del sud” ha fornito a tanti artisti la possibilità di dare alla luce progetti anche molto arditi, che hanno, quasi sempre, trovato il favore della critica e del pubblico.

Nel libro grande risalto viene dato alla sua amicizia con Willy David ed Enzo Gragnaniello al quale ha dedicato una parte importante del suo lavoro, anche rinunciando in qualche occasione a progetti prestigiosi, per far si che il grande musicista napoletano potesse esprimere a pieno la sua vena artistica.

Si raccontano tanti episodi di vita vissuta alcuni molto spassosi, altri assai drammatici, come solo la vita sa essere. In queste storie compaiono grandissimi interpreti: l’indimenticabile Mia Martini, il grande Renzo Arbore e la sua Orchestra Italiana ed il compianto Pino Daniele, con i quali Ponti ha incrociato il proprio percorso artistico. Sullo sfondo è sempre presente l’amore per una Napoli viva, vogliosa di musica e di esportare i propri figli prediletti in campo nazionale e internazionale (cosa mai troppo semplice). Tantissimi artisti napoletani, che hanno lavorato con Peppe Ponti, hanno voluto testimoniare il loro affetto e la loro stima per il manager intervenendo nel volume in maniera significativa.

Libro scorrevole e piacevole da leggere, che sicuramente non può mancare sulle librerie degli amanti della musica napoletana e della musica in genere.

Una buona occasione per scoprire o riscoprire artisti che hanno lasciato un segno indelebile nella storia della musica italiana, entrando attraverso le pagine de: ” I suoni del Sud ” nel “privato” dei protagonisti scoprendo la loro dimensione  oltre al personaggio pubblico attraverso i racconti dell’autore che non possiamo che ringraziare.

David Usilla

Precedente Recensione: L’ ISTITUTO – STEPHEN KING di Sandra Pauletto Successivo Almanacco cinema 2019 - Le saghe muoiono. Il cinema tira fuori i coltelli.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.