Emily. Cronache dal passato – Paola Mizar Paini e Pier Emilio Castoldi

Emily. Cronache dal passato di Paola Mizar Paini e Pier Emilio Castoldi

 

Paola Mizar Paini e Pier Emilio Castoldi uniscono le loro forze e ci regalano “Emily. Cronache dal passato”, un noir dalle atmosfere gotiche con una leggera spruzzatina di horror e di paranormale.

Pioggia, temporali e umidità, fanno da cornice a questo romanzo, ambientato in un’anonima cittadina piemontese: Samorello. I protagonisti sono Leo ed Emily e sono proprio loro a raccontarci, dal loro punto di vista, la storia che li vede affrontare i fantasmi di un passato, con cui soprattutto Emily, deve fare i conti.

Conosciamo i nostri protagonisti negli anni della loro infanzia, quando qualcosa di terribile cambia per sempre la vita di Emily e le toglie persino il dono della parola.

Solo Leo saprà starle vicino, saprà sostenerla ed esserle amico, fino a quando il destino deciderà di separare le loro strade.

Dal passato però non si può sfuggire e prima o poi bisogna inevitabilmente farci i conti.

Sarà proprio questa necessità, anni dopo,  a portare Emily nel negozio di Leo e a trascinarlo in un’avventura oltre il paranormale, che li porterà a guardare in faccia il male, a respirare l’odore della morte, a toccare con mano la crudeltà umana.

Di quel loro passato adolescenziale non ricordano molto ma il ricordo è lì, nascosto tra le pieghe della memoria, negli anfratti dell’anima avvolto da una nebbia che pian piano, diradandosi, paleserà una realtà scioccante e tragica.

In questa storia Emily e Leo saranno accompagnati da una serie di personaggi secondari molto ben costruiti e caratterizzati al punto da essere tutti ingranaggi essenziali di una macchina perfetta.

Morti che tornano a cercare giustizia, una casa abbandonata che nasconde vecchi segreti, un paesino anonimo e all’apparenza tranquillo ma che cela segreti e tanto altro sono gli ingredienti di questo ottimo romanzo.

La storia non risulta mai banale, non sa mai di già letto o già sentito, e la scrittura è scorrevole e coinvolgente. Ricco di passaggi spazio temporali utili a capire la vicenda nella sua interezza, gli indizi per arrivare alla soluzione finale vengono sapientemente distillati nel corso del racconto.

Lo scorrere delle pagine procede lasciando il lettore avvolto da una sensazione di pathos, di coinvolgimento totale, di emozione continua.

Il finale è il degno epilogo di un libro eccellente, un colpo di scena  finale che rimette in ordine tutte le tessere del puzzle, senza lasciare nessuna domanda senza risposta. È certamente un romanzo di cui ci si innamora, con personaggi che entrano nel cuore.

Ottima prova letteraria di una coppia di autori speciale, di grande valore, che spero possano unire ancora le loro penne per dare vita ad altre grandi storie come questa.

David Usilla

Precedente Recensione: L’istante ritrovato di Maria Cristina Felci (Europa Edizioni) Successivo Intervista a Maria Cristina Felci - “L’istante ritrovato” (Europa Edizioni)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.