Coraline-Neil Gaiman – recensione

CoralineCoraline-Neil Gaiman – recensione
È un libro per ragazzi o meglio, così è classificato, ma è molto, molto di più. Un’affascinante favola gotica scritta con grande maestria dall’abile penna di Neil Gaiman, famosissimo scrittore inglese dalle poliedriche capacità artistiche e letterarie.
Coraline, nonostante sia figlia unica, è una bambina semplice. I suoi genitori sono sempre occupati per impegni di lavoro e lei, da sola, si annoia. Fortunatamente ha traslocato da poco, pertanto quando la pioggia non le permette di andare in giardino, può esplorare la grande casa. Niente di accattivante, tranne una porta che dà su un muro di mattoni e un pozzo nascosto nel grande e trascurato giardino. Che c’è dietro la porta murata? La galoppante fantasia di Neil Gaiman non ha limiti. Crea un mondo parallelo dove la realtà che conosciamo viene presentata in modo più accattivante, troppo perfetta, finchè non la si guarda bene. Dietro all’apparente aurea idilliaca si svela il mondo parallelo di Coraline, subdolo come il male biblico che ti ammalia, facendoti trovare in un colpo solo quello che hai sempre desiderato ma è un’abile trappola: si prende qualcosa in cambio. Coraline saprà sfidare il male con intelligenza e giocare d’astuzia, anche grazie all’aiuto di un ingegnoso gatto parlante,che seppu fisicamente diverso, richiama alla memoria il personaggio dello Stregatto di “Alice nel paese delle meraviglie”, di Lewis Carroll. Una geniale favola moderna con diversi livelli di lettura, da cui è stato anche tratto uno spettacolare cartone animato in stop-motion, diretto e sceneggiato dal bravissimo Henry Selick nel 2009, film distribuito in Italia dalla Universal Picture. Vale la pena quindi leggere il libro e guardare il film, che come sempre non è esattamente aderente al testo scritto ma, allo stesso tempo, non gli toglie nulla  … anzi, alcuni concetti risultano più diretti o maggiormente comprensibili grazie alla raffigurazione grafica che sviluppa una forte empatia frutto delle vive e sincere emozioni che riesce a trasmetterci.
Buona lettura e buona visione!

Precedente Intervista ad Andrea Coco autore di Spacefood (La nuova gastronomia siderale) Successivo ntervista Impossibile a Freddie Krueger - Teresa Breviglieri

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.