Recensione: Il Banchiere di Milano – Ippolito Edmondo Ferrario – Frilli Editori-

Il Banchiere di Milano – Ippolito Edmondo Ferrario (Fratelli Frilli Editori)

 

Il Banchiere di Milano (Fratelli Frilli Editori) segna il ritorno in libreria di uno scrittore di grande valore e di grande talento, Ippolito Edmondo Ferrario. Si tratta di un giallo di grandissima qualità, molto ben scritto e davvero capace di coinvolgere il lettore dalla prima all’ultima pagina. Gli ingredienti per un grande noir ci sono tutti, dalle atmosfere cariche di mistero agli intrighi politici e finanziari, dagli omicidi efferati a scene dall’alto tasso erotico, aggiungendo però una spruzzatina, piccola ma intrigante, di fantasy. Al centro del libro c’è un misterioso banchiere milanese conosciuto come “il banchiere nero”, al secolo Raoul Sforza, personaggio dall’indiscusso carisma, dai tratti decisamente enigmatici, ricco di fascino e perseguitato da un buon numero di demoni che non mancano ogni tanto di farsi sentire. Appassionato di musica e di arte, amante del buon vino e del buon cibo, sembra impermeabile ai sentimenti questo fino a quando una giovane ragazza, Viola Fumagalli, irrompe nella sua vita chiedendogli aiuto dopo la morte tragica del padre. Viola all’inizio sembra un personaggio abbastanza marginale ma piano piano si prende i suoi spazi al punto da diventare una vera e propria coprotagonista. Il romanzo di Ferrario si può certamente leggere come una critica assai aspra ad un mondo politico e finanziario ormai corrotto fino al midollo, dove politica, finanza e mafia camminano a braccetto e dove l’etica del bene pubblico è ormai solo un lontano miraggio. La lettura di questo romanzo lascia intuire al lettore la grande cultura dell’autore che non manca di condire il suo noir con citazioni musicali e filosofiche di grande valore, riuscendo a regalare al suo pubblico una playlist musicale di livello assoluto. La grande preparazione culturale dell’autore si percepisce anche dallo stile con cui è scritto questo libro, dall’eleganza con cui le parole danzano sulle pagine regalando al pubblico un’esperienza di lettura imperdibile. La trama, come si confà ad un grande thriller, è fitta e ricca di intrighi e colpi di scena, popolata di personaggi decisamente poco raccomandabili, pregna di intrighi e ricatti. Le caratterizzazioni dei personaggi sono assolutamente perfette, ricche di particolari sia dal punto di vista fisico che psicologico, le ambientazioni sono descritte in maniera molto precisa dando al lettore la sensazione di essere calato nei luoghi dove avvengono i fatti vivendo assieme ai personaggi le emozioni più intense. E’ un libro che merita di essere letto, di essere assaporato sorso per sorso come un buon bicchiere di whisky lasciandosi trasportare dalle emozioni arrivando al finale con il solo rammarico che la storia sia già finita.

David Usilla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.