Crea sito

RECENSIONE: “LA VOCE DEL GECO” – ALDO BORASCHI – ALTREVOCI EDIZIONI.

RECENSIONE: “LA VOCE DEL GECO” – ALDO BORASCHI – ALTREVOCI EDIZIONI.

 

Il romanzo di Aldo Boraschi in qualche modo richiama al Barone rampante di Italo Calvino perché entrambi i personaggi decidono di vivere vicino al cielo.

La voce del geco – è una grande metafora scritta con garbo e maestria che racconta del mondo, sia di quello chiuso nelle piccole scatole quadrate che sono le case, che di quello vissuto, letteralmente, al di sopra di tutto e di tutti.

L’uomo è un animale sociale ma qualcuno lo è meno di altri o almeno pensa di esserlo, come il protagonista de “La voce del geco”.

Il nome che l’autore gli dà  è nel suo contesto geniale. Si chiama Giusto e vive sui tetti.

Ma è Giusto a non essere giusto o non  è giusto il mondo che è giusto per gli altri?

Un viaggio in bilico tra sogno e realtà con un punto di vista inedito rispetto ai classici romanzi di formazione.

La voce del geco di Aldo Boraschi – è uno di quei libri che è meglio leggere che farsi raccontare perché è talmente ad ampio respiro che sicuramente, anche il raccontatore più attento, non potrebbe fare un buon lavoro, perché quando un romanzo è così particolare e a suo modo introspettivo, ciascuno può leggerlo a seconda della propria sensibilità.

Io mi sento un po’ come Giusto e se non fosse che soffro di vertigini mi piacerebbe imitarlo almeno per tre quarti del libro…

Ho scoperto da poco AltreVoci Edizioni  e sono davvero colpita della qualità dei romanzi del suo catalogo che per ora trovo davvero uno più bello dell’altro.

Spero vivamente che la grande distribuzione sempre cieca o molto squadrata apra presto gli occhi e offra una meritata vetrina ai libri pubblicati da Altrevoci perché noi lettori da un avvenimento simile avremmo solo da guadagnarci.

Sandra Pauletto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.