Via delle Volte a Ferrara di Teresa Breviglieri

Via delle Volte si trova nel centro medievale di Ferrara e prende il nome dai numerosi archi e passaggi sospesi che la attraversano. La costruzione di questi archi risale ai secoli XIII e XIV, ma il tracciato rettilineo della strada, che inizia a Ovest con via Capo delle Volte, una delle strade più antiche della città, si conclude a Est.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa bellissima strada risale al più antico sviluppo urbano che costeggiava il fiume PO di allora, prima che fosse deviato nel 1152. Fino a pochi anni fa, era nota come la via delle prostitute e ancora vi sono dei detti popolari che vi fanno riferimento. Io, che sono una portalettere da 35 anni, ricordo perfettamente che almeno fino agli anni novanta o giù di lì, Via delle Volte era abitata esclusivamente dalle prostitute che “lavoravano” in casa. Infatti, consegnare a loro la posta, era decisamente problematico. Ricevevano spesso raccomandate e quando suonavo ai loro campanelli, non aprivano del tutto la porta, forse spaventate da probabili incursioni delle forze dell’ordine e mi dicevano di lasciare loro l’avviso di giacenza nella buchetta della posta. Poche volte sono riuscita a consegnare raccomandate e lettere nelle loro mani. La diffidenza era padrona di casa in quella via e io ammetto di avere avuto sempre un certo timore. Ma in realtà, erano persone tranquille che si facevano i fatti loro e non amavano essere interrotte e disturbate.

 

Attualmente non risiedono più in questa bellissima via che scorre parallela ad altre strade molto più trafficate. Recentemente è anche stata restaurata e ripavimentata con un rustico acciottolato in pietre di fiume, tipico della città medievale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota anche nel mondo letterario, Via delle Volte è stata descritta da Giorgio Bassani, nel suo libro, “Il Giardino dei Finzi-Contini”.

“Priva di marciapiedi, il ciottolato pieno di buche, la strada appariva anche più buia del solito. Mentre avanzavamo quasi a tentoni e con l’unico aiuto, per dirigerci, della luce che usciva dai portoncini socchiusi dei bordelli, Malnate aveva attaccato come d’abitudine qualche strofa del Porta”.

Inoltre, a circa metà della via, troviamo lo storico cinema “Apollo” che per tantissimi anni ci ha dato le prime visioni di film importanti, purtroppo chiuso per l’arrivo delle famigerate multisala. Mi consola il fatto che rimanga l’insegna di questo, che era un bellissimo cinema e che scatena i ricordi di una adolescenza passata.

Via delle Volte, comunque rimane una strada affascinante e percorrendola si respira un’atmosfera quasi magica, in quanto sembra di entrare in un altro mondo. Gli archi limitano la luce del sole, donando una penombra che ricorda ambientazioni medievali. Consiglio a chi venisse a fare un giretto a Ferrara di visitarla. Sarà una piacevole passeggiata nella storia della mia città.

Precedente Capolavori sibillini Mostra fino al 1 ottobre 2017 al Palazzo Campana - Osimo Successivo Havok - Conformicide - recensione musica

Lascia un commento

*