Sviste poesia a verso libero di Sandra Pauletto

Sviste

I gabbiani

impazziti

sulle scogliere di cemento

si tuffano nei cassonetti

come fossero l’ultimo

dei mari,

sviste

similemente

L’uomo moderno

annusando l’aria

scambia

per salsedine

il puzzo

acre

delle fogne

Lascia un commento

*