Rol e l’altra dimensione – Maria Luisa Giordano – recensione

giordanoRol e l’altra dimensione – Maria Luisa Giordano – recensione

Gustavo Adolfo Rol non è una persona in qualche modo etichettabile. È stato definito: pensatore, illusionista, poeta, visionario e in tanti altri  modi, ma solo chi l’ha conosciuto veramente avendo il privilegio di incontrarlo sa  che non si può usare per lui un vocabolo esistente, oppure tutti quelli detti sopra aggiungendoci davanti un “più che…”

Maria Luisa Giordano,  autrice del  libro: ” Rol e l’altra dimensione”  edito da  Bur – Rizzoli,   da amica della famiglia Rol divenne  per Gustavo Adolfo come una figlia. L’ ha seguito per anni e nelle pagine di questo  saggio  anche se non è esattamente questo, descrive un uomo vero, affascinante, molto affettuoso, un personaggio unico con una forza e una bontà d’animo eccezionali.

Nel libro si parla di Rol, e deile sue particolari doti a cui molti non credono e definiscono illusioni.

La stessa Giordano ha assistito ai fenomeni che Rol definiva “esperimenti” che solitamente il Maestro eseguiva con mazzi di carte (sempre nuove e portate dagli ospiti sul momento), ma non solo, Rol era capace di scrittura e lettura a distanza, gestiva la materia,  entrando in contatto così diceva e spiegava lui,  con lo Spirito intelligente che si trova all’interno di tutte le cose.

Molti personaggi famosi sono stati testimoni dei suoi “esperimenti” e dei suoi prodigi. Lo stesso Duce sentendo parlare delle sue capacità volle interpellarlo per sapere le sorti della guerra.

In visita a al Maestro si presentò anche Einstein che a dire di Rol si è divertito come un bambino vedendo le capacità medianiche del padrone di casa.

Consiglio questa lettura, scorrevole e ben scritta  per avvicinarsi alla  vita di Gustavo Adolfo Rol, raccontata da una testimone eccellente ovvero Maria Luisa Giordano una delle poche che ha avuto l’onore di stargli vicino.

In questo libro molto interessante sono  riportati anche virgolettati dei pensieri del Maestro.

Sandra Pauletto

Precedente Franca Ghitti scultrice, al Museo d’arte di Mendrisio fino al 15 luglio 2018 Successivo Delitto Pasolini. Approfondimento di Alberto Zanini pt. 2

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.