Perturbator – New Model (EP)

Perturbator – New Model (EP)

Anno: 2017

Provenienza: Francia

Genere: synth pop

Membri: James Kent – sintetizzatori

  1. Birth Of The New Model
  2. Tactical Precision Disarray
  3. Vantablack
  4. Tainted Empire
  5. Corrupt By Design
  6. God Complex

Casa discografica: autoprodotto

In qualche modo New Model sancisce un momento di svolta per uno dei DJ più in vista dell’underground synth pop. Sarà per il minimalismo della copertina, che ci presenta un agglomerato architettonico nero illuminato da una gigantesca forma lunare ed immerso in uno sfondo nero come la notte più buia e spaventosa. Un bel cambio di registro rispetto alle ridondanti e scioccanti scenografie metropolitane condite di neon, cyborg e corpi femminili nudi. Sarà anche per la produzione, che stavolta Perturbator decide di finanziare in toto. La promozione tra l’altro è generosa e coraggiosa, visto che il formato digitale è gia disponibile su Bandcamp e Youtube ma quello fisico sarà in vendita dal 20 Ottobre. Le differenze, sebbene non così esagerate, sono anche stilistiche. D’altronde il titolo doveva pur dire qualcosa. Infatti, per fugare ogni dubbio, la traccia d’apertura, Birth Of The New Model, lascia forse trasparire un nuovo percorso musicale di James Kent. Le carrellate di suoni elettronici si fanno sempre più serrate, scure e pesanti. Ne conseguono atmosfere ancora più da thriller e meno ballabili. In assoluto è il finale a colpire con il suo carico di decibel e una prorompente cacofonia. Permane lo straripante gusto anni ’80, ma c’è qualcosa di tetro e violento a rendere il tutto più imprevedibile. Un ottimo inizio, dove il vecchio e il nuovo si fondono piuttosto bene!

Talvolta però i nuovi esperimenti non convincono al 100%. Tactical Precision Disarray è indubbiamente uno dei momenti più radicali di New Model e mette in mostra un vero e proprio bombardamento elettronico molto distante dagli eccezionali tappeti sonori di I Am The Night o di The Uncanny Valley. Per quanto questo approccio esasperato possa piacere a qualcuno, a mio parere nella discografia di Perturbator c’è di meglio. Le dense atmosfere notturne di Vantablack, accompagnate dalla voce di OddZoo, sono invece fantastiche. Un vellutato viaggio sintetico nei primi anni dei Nine Inch Nails. Ancora una volta purtroppo il rumore prevale sulla musica in Tainted Empire. Un pezzo che definire cacofonico è un eufemismo. E questo è anche un po’ la morte della poesia cibernetica del Perturbator pensiero. New Model si risolleva nel finale con la crepuscolare ed inquietante Corrupt By Design e la grande suite God Complex. Un’ammaliante trafila di suggestivi echi estasianti. Sicuramente la traccia più riuscita dell’EP. New Model è un mini album ben fatto dove il DJ francese dimostra di essere ancora ispirato, capace e caparbio nel cercare nuove vie per evitare di rendere la propria proposta monotona. Volontà apprezzata ma tiro da correggere in futuro. Quando uscirà un nuovo album probabilmente ascolteremo un risultato più compiuto e ragionato dove le nuove influenze dark e noise potranno sposarsi meglio. In questo caso i tentativi incuriosiscono ma non sempre risultano riusciti e gradevoli. Tutt’al più il fatto che una delle tracce più belle sia una di quelle più legate al passato sembra voler dire qualcosa.

Voto: 8

Zanini Marco

Precedente Pallbearer - Heartless - Recensione musica Successivo Dentro Caravaggio dal 29 settembre al 28 gennaio 2018 Milano

Lascia un commento

*