Itinerario noir in Italia. Nebbia assassina in Lombardia

Itinerario noir in Italia. Nebbia rosso sangue in Lombardia

Milano si può considerare la capitale del noir in Italia, un rapporto stretto tra la città e i libri rafforzatosi nel tempo. Il periodo che va dalla fine degli anni cinquanta e gli anni settanta, Milano fu  palcoscenico di parecchi episodi criminali e di sangue. Il “solista del mitra”, Luciano Lutring, Francis Turatello ed il suo acerrimo rivale Renato Vallanzasca fino al catanese Angelo Epaminonda sono stati i protagonisti della cronaca nera di quegli anni.

Era il 1966 quando Garzanti pubblicò “Venere privata”, romanzo giallo in cui  Milano faceva da sfondo alle gesta dell’ex medico Duca Lamberti.

Lo scrittore Giorgio Scerbanenco,  che si può considerare il vero padre del noir italiano, descrisse la Milano di quegli anni.

 

Giorgio Scerbanenco

Giorgio Scerbanenco

Nato a Kiev nel 1911, figlio di un ufficiale russo e di una madre italiana. Il padre morì durante la rivoluzione d’ottobre, Giorgio e sua madre si trasferirono prima a Roma, e poi a Milano. Dopo aver fatto numerosi mestieri divenne giornalista e quindi, nel 1935, lo scrittore. Eclettico e prolifico esplorò diverse forme narrative, ma divenne famoso con il giallo classico. Viene considerato uno dei giallisti più importanti di sempre, tanto da meritarsi l’intestazione del premio letterario poliziesco e noir più ambito in Italia dagli scrittori di genere. Scrisse il suo primo romanzo giallo nel 1940: “Sei giorni di preavviso” ambientato a Boston con il personaggio di Arthur Jelling, ma fu con la serie dedicata a Duca Lamberti che divenne famoso

Questa è l’introduzione del suo personaggio più famoso: Duca Lamberti:

«Le hanno detto, dottor Lamberti, perché ho desiderato vederla qui?» «No,» gli disse, non gliel’avevano detto. Gli avevano però spiegato chi era l’uomo che sembrava così modesto, così semplice, era uno dei magnifici cinque ingegneri della plastica, l’ingegner Pietro Auseri, oltre i cinquantacinque, poteva forse creare tutto da tutto, un tipo di plastica speciale portava il suo nome, auserolo, aveva tre lauree, il suo patrimonio doveva essere notevole, ma ufficialmente era solo un libero professionista con un vecchio ufficio in una vecchia via di Milano. «Pensavo gliene avessero accennato,» disse il piccolo; ora la stanchezza della voce era scomparsa, restava solo l’imperio, l’argomento climatologico e turistico era davvero finito. «Mi hanno detto soltanto se potevo venire qui per un lavoro che avrei potuto fare per lei,» gli disse. Ormai era buio, altre luci nella villa si accesero, una pallida scia arrivava fino a lì. «Sì, in un certo senso è un lavoro,» disse Auseri. «Le dispiace se ne parliamo qui? In casa c’è mio figlio e vorrei che lo vedesse solo dopo.» «Per me va benissimo.» Il piccolo vecchio gli piaceva, non doveva essere un buffone, in quegli ultimi anni, in carcere e fuori, aveva visto intere armate di pagliacci e li distingueva quasi dall’odore, da un dito, da un peluzzo di sopracciglia. «Lei è medico,» disse Auseri. Non gli rispose subito, solo qualche istante dopo, ma fu una pausa lunga, in quel buio, in quel silenzio. «Lo ero. Dovrebbero averla informata.» «Certo,» disse Auseri, «ma lei è sempre medico. E io ho bisogno di un medico.» Egli contò le finestre illuminate della villa: erano otto, quattro a pianterreno e quattro al primo piano. «Non posso più esercitare. Non posso più neppure fare un’iniezione, anzi, soprattutto iniezioni. Non gliel’hanno detto?» «Mi hanno detto tutto, ma non ha importanza.>> Curioso. Gli disse: «Se lei ha bisogno di un medico e prende uno espulso dall’Ordine dei medici, che non può prescriverle neppure una compressa di aspirina, dovrebbe avere qualche importanza.» «No,» disse l’imperatore, con cortese imperio. Nell’oscurità gli tese il pacchetto di sigarette: «Fuma?» «Sono stato anche in carcere, tre anni.» Egli prese la sigaretta, Auseri gliel’accese. «Per omicidio.» «Lo so,» disse Auseri, «ma non ha importanza.»

“Venere privata”

La sua scrittura permette di conoscere i suoi pensieri in quanto caddero sotto la mannaia dei suoi giudizi gli omosessuali e i disabili. E’ l’unico italiano ad aver vinto il “Gran Prix de Littérature Policière” nel 1968 per “Traditori di tutti”, un vero è proprio oscar del romanzo poliziesco.

Tre film sono stati dedicati a Duca Lamberti: I ragazzi del massacro (1969), Il caso Venere Privata (1970), La morte risale a ieri sera (1970).

I suoi romanzi sono:

Venere Privata

Traditori di tutti

I ragazzi del massacro

I milanesi ammazzano al sabato

Augusto De Angelis nacque a Roma nel 1888. Giornalista e scrittore durante il periodo del fascismo. Nel 1935 scrisse il suo primo romanzo giallo ambientato a Milano e che aveva come protagonista il commissario Carlo De Vincenzi. La RAI tra il 1974 e il 1977 produsse due serie televisive dedicate a De Vincenzi, con Paolo Stoppa nei panni del commissario. In quegli anni il romanzo giallo non era benvisto dal regime, che sequestrava puntualmente i libri non condividendone il genere letterario. I suoi articoli furono tacciati di antifascismo e il carcere lo accolse fino al 1944, scarcerato non riuscì a godere la libertà per molto, perché, lo scrittore, morì in seguito ad un pestaggio subito da un “repubblichino”.

 

de angelis il banchiere assassinatoIl banchiere assassinato

Sei donne e un libro

Giobbe Tuama & C.

La barchetta di cristallo

Il canotto insanguinato

Il candeliere a sette fiamme

L’albergo delle tre rose

Il Do tragico

Il mistero della vergine

La gondola della morte

La notte fatale

Le undici meno una

L’impronta del gatto

Le sette picche doppiate

Il mistero di Cinecittà

Il mistero delle tre orchidee

L’isola dei brillanti

Allucinazione

Renato Olivieri nacque a Sanguinetto, in provincia di Verona, nel 1925, e in età adolescenziale andò a vivere a Milano, dove nel 2013 morì. Pubblicò il suo primo romanzo giallo nel 1975, che aveva come protagonista la figura del commissario Giulio Ambrosio. Uno degli investigatori più famosi della letteratura gialla italiana. Il regista Sergio Corbucci girò anche un film con Ugo Tognazzi nei panni del commissario.

Il caso Kodra

Maledetto ferragosto

Dunque morranno

L’indagine interrotta (Premio Mystfest 1983)

Villa Liberty

Le inchieste del commissario Ambrosio

Largo Richini

Ambrosio indaga

Hotel Mozart

Piazza pulita

Ambrosio ricorda

Madame Strauss (Premio Scerbanenco)

La fine di Casanova

Il dio danaro

Albergo a due stelle

Antonio Perria è stato un giornalista e scrittore. Nato nel 1924 a Monastir ed è morto a Muravera nel 2004. Ha scritto tre romanzi gialli che hanno protagonista il commissario siciliano Saro Madonna e ambientati a Milano

Delitto a mano libera

Incidente sul lavoro

Giustizia per scommessa

Adieu Medusa (il commissario Madonna indaga in Sardegna)

Gianni Biondillo è un architetto e scrittore nato a Milano. Direttore artistico del festival culturale “Parole sotto la torre”. Insegna “Elementi di psicogeografia e narrazione del territorio” all’Università della Svizzera italiana. L’ispettore di polizia Michele Ferraro è il protagonista dei gialli ambientati nel capoluogo meneghino.

 

gianni biondillo l'incanto delle sirene

Per cosa si uccide (raccolta di quattro racconti)

Con la morte nel cuore

Il giovane sbirro

I materiali del killer

Cronaca di un suicidio

Nelle mani di Dio

L’incanto delle sirene

Piero Colaprico nasce in Puglia ma vive a Milano. Laureato in Giurisprudenza è un giornalista che si occupa di cronaca nera e di giustizia. Famoso anche per aver coniato il termine Tangentopoli quando Milano venne investita dalle inchieste giudiziarie di Mani Pulite.

Ha scritto una serie di romanzi gialli che vede protagonista il Maresciallo Binda. I primi tre libri sono stati scritti con Pietro Valpreda. La collaborazione s’interruppe con la morte dell’ex anarchico coinvolto nella strage di Piazza Fontana, ma poi assolto.

 

quattro-gocce-d-acqua-piovana_ts

Quattro gocce di acqua piovana

La nevicata dell’85

La primavera dei mai morti

L’estate del mundial

La quinta stagione

Colaprico ha scritto, sempre, ambientati nella città della Madonnina: “Sequestro alla milanese”,e la raccolta di racconti: “Kriminalbar”. All’ispettore Bagni è dedicata un’altra serie:

La trilogia della città di M.

La donna del campione

L’uomo cannone

Alessandro Bastasi è uno scrittore nato a Treviso, ma che vive e lavora a Milano. Ha un passato di attore teatrale a Venezia. Ha vissuto a Mosca dal 1990 al 1993, testimone degli avvenimenti che hanno cambiato la Russia. In occasione di quella esperienza vissuta ha scritto il romanzo “La fossa comune” di 0111Edizioni. La Meme Publischers ha pubblicato in versione digitale il romanzo “La scelta di Lazzaro” ambientato durante gli anni di piombo. Bastasi ha scritto anche dei noir ambientati a Milano e pubblicati dai Fratelli Frilli Editori.

Era la Milano da bere. Morte civile di un manager

Morte a San Siro

Sandrone Dazieri è uno scrittore e sceneggiatore nato a Cremona. A Bergamo studia alla scuola alberghiera, ed infatti per qualche anno si esibisce ai fornelli come cuoco finché non decide di iscriversi a Scienze politiche a Milano. La realtà del mondo reale lo convince ad impegnarsi politicamente, frequentando il centro sociale Leoncavallo. Durante una manifestazione viene arrestato, ma in seguito assolto al processo. Appassionato di fumetti, ma anche di letteratura horror, fantascienza e gialla, la passione lo porta a diventare un autore inventando il personaggio di Sandrone/Gorilla ex investigatore ed ex leoncavallino che si trova ad investigare in una Milano tanto diversa da lui. I suoi romanzi sono tradotti in venti paesi.

 

La-bellezza-è-un-malinteso

Attenti al gorilla

La cura del gorilla

Gorilla blues

Il Karma del gorilla

La bellezza è un malinteso

Nella produzione di Dazieri meritano una citazione anche “La città brucia” scritto in collaborazione con Daniele G. Genova, “E’ stato un attimo”, “Bestie”. “Cemento armato” e “Il nemico nascosto” sono ambientati a Roma.

Gianni Simoni è un magistrato e scrittore nato a Brescia. Il suo lavoro lo ha portato ad occuparsi di terrorismo, degli intrecci tra politica e criminalità compresa quella organizzata. Tra le sue inchieste anche quelle riguardanti la morte di Michele Sindona e l’omicidio di Giorgio Ambrosoli. La pensione gli ha dato la possibilità di dedicarsi a tempo pieno alla scrittura. Ha scritto anche “Il caffè di Sindona”. Famosa è la serie dedicata al commissario Miceli e all’ex giudice Petri ambientata a Brescia.

 

gianni simoni fiori_per_un_vagabondo

Un mattino d’ottobre

Commissario domani ucciderò Labruna

Lo specchio del barbiere

La morte al cancello

Pesca con la mosca

Il ferro da stiro

Chiuso per lutto

L’apparenza inganna, giudice Petri

Troppo tardi per la verità

La scomparsa di De Paoli

Fiori per un vagabondo

Simoni ha anche ambientato una serie a Milano che vedono protagonista l’ispettore di colore Andrea Lucchesi

Piazza San Sepolcro

il filosofo di via del Bollo

Sezione Omicidi

Contro ogni evidenza

Omicidio senza colpa

Massimo Cassani è uno scrittore nato a Cittiglio in provincia di Varese. Collabora con la “Bottega di narrazione” di Laurana Editore. Nel 2008 scrive la prima storia che ha il commissario Micuzzi come protagonista.

Sottotraccia

Pioggia battente

Zona franca

Soltanto silenzio

Dopo quattro romanzi dedicati al commissario Micuzzi, Cassani decide di cambiare personaggio e location. L’investigatore privato Mario Borri viene proposto un lavoro fuori dalla città di Milano.

Mistero sul lago nero

Con un diploma del Laboratorio di Scrittura Drammaturgica del Piccolo Teatro di Milano, Elisabetta Bucciarelli, a vent’anni, scrive già il suo primo testo teatrale. La scrittrice è nata e vive a Milano. E’ stata anche insegnante di Scrittura Creativa. Ha pubblicato saggi, sceneggiature, racconti e romanzi. Merita una citazione “Corpi di scarto” (Premio Lucia Prioreschi-Il Tirreno Serravalle Noir 2011). Elisabetta Bucciarelli ha scritto anche una serie di romanzi che vedono l’ispettrice Maria Dolores Vergani personaggio principale.

 

bucciarelli

Happy Hour

Dalla parte del torto

Femmina de luxe (vincitore del Bloody Mary Award 2008)

Io ti perdono (Vincitore del Bloody Mary Award 2009. Menzione speciale della giuria al Premio Scerbanenco. Premio Franco Fedeli.)

Ti voglio credere (Premio Scerbanenco 2010 come miglior noir)

Dritto al cuore (ambientato in Val d’Aosta)

Andrea Carlo Cappi è un traduttore e scrittore dalla sterminata produzione. Romanzi, racconti, saggi e sceneggiatore di fumetti (Martin Myster)Affronta con assoluta disinvoltura i gialli, avventura, spionaggio e fantastico. Carlo Medina è il personaggio di una serie famosa. Pubblicitario divenuto killer Medina e i suoi amici sono i protagonisti di:

Più la cappa che la spada

Milano da morire

Venditori di fumo

Il gioco degli specchi

Liquido caldo

Morte accidentale di una lady

Medina: Malastrana

Medina: Persecutor

Fabrizio Carcano è un giornalista e scrittore nato a Milano. Nel 2008 scrive il suo primo romanzo noir con venature esoteriche. Caratteristica che replicherà anche nel secondo. Bruno Ardigò è il commissario che indaga nei suoi romanzi.

Gli angeli di Lucifero

La tela dell’eretico

Mala Tempora

Ultimo grado

L’erba cattiva

Una brutta storia

Andrea G. Pinketts, all’anagrafe Andrea Giovanni Pinchetti, è un giornalista e scrittore nato a Milano. Come giornalista ha contribuito, con le sue inchieste, all’arresto di alcuni camorristi. Nel 1991 vince il Premio “Una Remington sulla strada” per il miglior giornalista investigativo d’Italia. Nel 1992 con uno stile irriverente e poco consueto, scrive il primo di una serie di romanzi noir bizzarri che vedono il suo alter ego Lazzaro Santandrea protagonista di avventure milanesi.

Lazzaro vieni fuori (Premio Rancho comancho a Tabiano 1997)

Il vizio dell’agnello

Il senso della frase (Premio Noir in Festival di Courmayeur 1995)

Il conto dell’ultima cena

E chi porta le cicogne?

L’assenza dell’assenzio (Premio Noir in Campione a Campione d’Italia 1999)

Fuggevole turchese (Premio “Le ali di Giorgio”la continuità di Scerbanenco 2001/ Premio “Torre di Castruccio”2001)

Nonostante Clizia (Premio Priapo d’oro a Siracusa 2003)

Ho fatto giardino

Depilando Pilar

La capanna dello zio rom

Paolo Roversi nasce a Suzzara in provincia di Mantova. Laureato in Storia Contemporanea è un profondo conoscitore di Charles Bukowki, al quale ha dedicato tre libri. Appassionato di letteratura noir è anche sceneggiatore per la televisione. Direttore della rassegna dedicata al giallo e noir: “Nebbia Gialla Suzzara Noir Festival”, oltre anche del “Milano in Bionda”. Nel 2006 scrive “Blue Tango”, il primo romanzo della serie noir dedicata al giornalista hacker Enrico Radeschi.

Blue Tango

La mano sinistra del diavolo (Premio Camaiore)

Niente baci alla francese

L’uomo della pianura

La confraternita delle ossa

Nel 2015 scrive “Solo il tempo di morire” un noir che racconta la lotta di tre banditi nella Milano degli anni ’70 e ’80 per il controllo della città. Il romanzo vinse il Premio Selezione Bancarella, e il Premio Garfagnana in giallo del 2015. “L’uomo della pianura”, “Milano criminale”, “Pesce mangia cane”(ambientato nella bassa padana), e “L’ira funesta” sono altri noir a testimoniare la prolifica produzione dello scrittore.

Adriano Bon è un conosciuto bibliofilo milanese, critico ed autore di saggistica letteraria e consulente editoriale di Sylvestre Bonnard. Ma dietro a questo distinto signore si cela Hans Tuzzi (personaggio “Dell’uomo senza qualità di Musil) pseudonimo che ha usato per anni finché Umberto Eco ne ha rivelato la vera identità. Tuzzi è nato a Milano e la sua passione per il giallo lo ha spinto a scrivere una serie di romanzi che vedono come protagonista il commissario Norberto Melis.

 

tuzzi

Il maestro della testa sfondata

Perché Yellow non correrà

Come il cielo sull’Annapurna

Tre delitti un’estate. Calde vacanze per il commissario Melis

La morte segue i Magi

L’ora incerta tra il cane e il lupo

Un gatto alla finestra

Un enigma del passato

La figlia più bella

Romano De Marco nasce a Francavilla al Mare in provincia di Chieti. Bancario responsabile della sicurezza di un gruppo di Credito molto importante. Divide la sua attività tra l’Abruzzo e Milano. Nel 2009 esce il suo primo romanzo giallo “Ferro e fuoco” ambientato a Roma, nel 2013 pubblica “A casa del diavolo” ambientato in Abruzzo che arriva secondo al Premio Nebbia Gialla. Scrive anche quattro romanzi ambientati a Milano.

Milano a mano armata (Premio Lomellina in giallo 2012)

Io la troverò (finalista al Premio Scerbanenco 2014)

Città di polvere (finalista al Premio Scerbanenco 2015)

Morte di luna (pubblicato in versione digitale dalla Ferltrinelli)

Alessandro Bongiorni è un giornalista pubblicista e scrittore nato a Milano. Laureato in Scienze e Tecnologia della Comunicazione, ha conseguito anche la Laurea magistrale in Televisione, cinema e New Media con una tesi su Elmor Leonard. Ha scritto una serie di romanzi ambientati a Milano e che hanno come protagonista il vice commissario Rudi Carrera.

Capitale mortale

Se tu non muori

La sentenza della polvere

Niente è mai acqua passata

Alessandro Robecchi è uno scrittore e giornalista nato a Milano. Scrive per il teatro e per la televisione, è anche autore dei testi satirici e al vetriolo di Maurizio Crozza. Carlo Monterossi è l’autore televisivo protagonista dei suoi romanzi che raccontano la Milano notturna e noir.

Questa non è una canzone d’amore

Dove sei stanotte

Di rabbia e di vento

Ezio Gavazzeni è uno scrittore di Milano, laureato in Scienze dei servizi sociali, e con un Master per la PMI. Dirige il laboratorio di scrittura presso il CAM (Centro di Aggregazione Multifunzionale)del Comune di Milano.

Big Muff

Corpi di confine (Premio della Critica al Concorso Letterario Internazionale Pegasus 2015)

Ha scritto anche due romanzi gialli non ambientati a Milano: “Motel 309”. La storia si sviluppa sulla costa romagnola. Il romanzo ha vinto il Gran Premio della giuria al Premio Letterario nazionale di Roma Scriviamo Insieme. “Le belle donne non sanno cosa fare dei bravi ragazzi”, una storia che parte dalla Romagna e finisce a Lione.

Francesco Recami è uno scrittore nato a Firenze. Negli anni 80 Recami scrisse “L’errore di Platini” che parlava di una coppia di trentenni con una figlia cerebrolesa. Una storia tragica e drammatica con un finale ritenuto troppo crudele. Soltanto nel 2006 Sellerio decise di ripubblicarlo dandogli il suo meritato riconoscimento. Recami nel 2011 scrive il primo romanzo di una serie ambientata a Milano e che vede protagonista il pensionato ex tappezziere Amedeo Consonni.

 

francesco recami

La casa di ringhiera

Gli scheletri nell’armadio

Il segreto di Angela

Il caso Kakoiannis-Sforza

L’uomo con la valigia

Morte di un ex tappezziere

Altre opere di Recami hanno avuto il giusto riconoscimento come “ Il superstizioso” (finalista al premio Campiello 2008), “Il ragazzo che leggeva Maigret” (Premio Scrittore Toscano 2009), “Prenditi cura di me” (finalista al Premio Strega 2010)

Antonio Steffenoni nasce a Milano e dopo aver frequentato il liceo classico, si laurea in Filosofia della Storia. Vive anche una esperienza di vita a Barcellona che lo influenzerà, in seguito, nella creazione di un personaggio di origine spagnola. Inizio nel mondo della narrativa nel 1976 con “Una sola paura” che risulta finalista al Premio Viareggio Opera prima. Il 2008 è l’anno dell’uscita del primo di una seria gialla con protagonista il commissario italo-spagnolo Ernesto Campos.

Vietato giocare con la palla

Meglio andare lontano

Un delitto molto milanese

Riccardo Besola è uno scrittore che ama raccontare la Milano degli anni 70 ispirandosi a Scerbanenco.

Al bar con le ragazze (racconti)

Nera la notte (racconti. Premio Letterario NarreRai)

Milano disco inferno

Nel 2012 inizia la collaborazione con Andrea Ferrari e Francesco Gallone ed insieme creano il personaggio del commissario Santambrogio, protagonista di una serie di gialli.

Operazione Madonnina (con Ferrari e Gallone)

Il colosso di corso Lodi ( con Ferrari e Gallone)

Operazione Rischiatutto (con Ferrari e Gallone)

Assassinio alla Scala (con Ferrari e Gallone)

Francesco Gallone è un giovane scrittore nato a Milano, che ha legato parte della sua produzione con Riccardo Besola e Andrea Ferrari. Da solo ha scritto:

Milano è un’arma

La metropoli stanca

Lapidi d’asfalto

Andrea Ferrari è uno scrittore laureato in lingue che ha scritto romanzi noir. Oltre che con Besola e Gallone, ha scritto anche romanzi da solo che vedono l’investigatore Brandelli all’opera.

Milano A. Brandelli

Bravo Brandelli

Milano muta

Divorzio alla milanese

Il fiordo di Milano

Dario Crapanzano nasce a Milano, si laurea in Giurisprudenza, quindi si diploma all’Accademia di Arte Drammatica di Esperia Sperani. Lavora nel mondo della pubblicità, ma a settant’anni, nel 2011 decide di scrivere dei gialli ambientati negli anni ’50, con protagonista il commissario Arrigoni.

 

dario crapanzano

Il giallo di via Tadino

Arrigoni e la bella di Chiaravalle

Arrigoni e il caso di piazzale Loreto

Il delitto di via Brera

Arrigoni e l’omicidio di via Vitruvio

Il mistero della giovane infermiera

Fulvio Capezzuoli è nato a Milano dove si è laureato in Scienze Economiche. Critico cinematografico, profondo conoscitore di cinema cubano. Nel 2003 scrive un saggio critico sul cinema iraniano: “Il sapore della bellezza”, nel 2008 vince il Premio Letterario Città di Castello per “Gli anni del sole stanco”, che racconta le gesta di Michelina De Cesare, protagonista della ribellione contadina contro il piemontese invasore. Nel 2014, la Todaro Editore pubblica il suo primo giallo ambientato a Milano dell’immediato dopoguerra con il commissario Maugeri impegnato nelle indagini.

Milano 1946, delitti a Città Studi

Milano 1947, misteri a Porta Venezia

Massimo Milone è uno scrittore che nasce e lavora a Milano. Racconta le gesta della squadra investigativa dell’8° Distretto al Gallaretese, del commissario Remo Barocci e Sasà Van Dir.

Delitto alla Montagnetta

Milano corri e muori

Il delitto di S.Ambrogio

Intrigo a City Life

Lo scrittore ha pubblicato con lo pseudonimo di Max Aniello: “Per una bionda” un giallo ambientato a Napoli.

Matteo Di Giulio scrive ed ambienta a Milano le sue storie noir. Si occupa di letteratura spagnola e di cinematografia asiatica.

La Milano di acqua e sabbia

Quello che brucia non ritorna

I delitti delle sette virtù (ambientato a Firenze nel 1400)

figli della stessa rabbia

Adele Marini nasce a Bergamo, ma lavora a Milano come giornalista, e si occupa di cronaca nera e giudiziaria. Nel 1994 viene pubblicato il suo primo romanzo:“Il consulente”, un financial-thriller, scritto in collaborazione con Alberto Sala, all’epoca Ispettore della Squadra Mobile di Milano. Scrive quindi una serie di gialli che vedono protagonista il commissario napoletano Vincenzo Marino.

Milano solo andata (Premio Azzeccagarbugli 2006)

Naviglio Blues

A Milano si muore così (Premio Azzeccagarbugli 2014)

Io non ci sto. Le ombre del commissario Marino

Gianluca Ferraris è un giornalista e scrittore nato a Genova, si laurea in Scienze politiche e si trasferisce a Milano dove collabora con varie riviste. Per Panorama seguì l’inchiesta dello scandalo per il calcio scommesse. Nel 2012 scrisse con Simone Di Meo “Pallone criminale”, che ricevette la menzione speciale della giuria del Premio Antonio Ghirelli. Si occupa anche di cronaca ed economia. L’inchiesta “Ladri di speranza”, portata avanti con la collega Ilaria Molinari, vinse il premio istituito dalla Commissione Ue sulla Salute e i Diritti del malato. Nel 2011 esce il suo primo romanzo noir “Gioco sporco”, ambientato nel mondo delle scommesse, con la camorra e la ‘ndrangheta a dettare legge. Il giornalista di cronaca nera Gabriele Sarfatti, è il protagonista di due romanzi ambientati nel capoluogo lombardo.

A Milano nessuno è innocente

Piombo su Milano

Gino Marchitelli nasce a Milano, si diploma in Elettronica Industriale e con questa qualifica trova lavoro come tecnico elettronico alla Saipem sulle piattaforme petrolifere. Politicamente impegnato, ha prestato la sua opera nella difesa dei diritti sindacali dei lavoratori, come lui, impegnati sulle piattaforme. La sua passione per i romanzi gialli lo spinge a scrivere, ed ad ambientare le sue storie a Milano con una coppia di personaggio formata dal commissario Lorenzi e dalla giornalista Cristina Petruzzi.

Morte nel trullo (storia che si sviluppa tra Milano e la Puglia)

Qvimera

Il pittore

Milano non ha memoria

Sangue nel Redefossi

Roberto Caputo politico per anni, ha intrapreso un percorso narrativo nel 2006 scrivendo poesie, quindi si è dedicato al noir ispirandosi a Scerbanenco. Ha scritto con Veronica Crippa nel 2010 “Rosa nera” e successivamente, sempre a quattro mani, con Nadia Giorgio, una serie di gialli con protagonista il capo della Digos di Milano Marco Ferrari, che Robin ha pubblicato nella sua collana “I luoghi del delitto”

Cena con delitto

La punizione

Apnea

Obiettivo Expo

Rino Casazza è nato a Sarzana in provincia di La Spezia dove si laurea in Giurisprudenza. Lavora presso il Teatro La Scala di Milano, ma risiede a Bergamo. La città orobica fa da cornice al primo romanzo giallo ambientato all’inizio del secolo scorso e che vede protagonista il 90enne geniale investigatore Auguste Dupin. La prima avventura si svolge a Parigi. “Le regole del gioco”.

Bergamo sottosopra

Il fantasma dell’Opera

Molto lavoro per Il commissario Capo Colani sulle tracce di un serial killer che insanguina la città orobica:

Bart

Sarah Sajetti è una giornalista e scrittrice nata a Milano. Militante per i diritti degli omosessuali.

Volevo solo un biglietto del tram.

Storie di streghe e di delitti. (ambientato nelle colline monferrine)

Io odio

Stefano Scafaggi è uno scrittore nato a Genova. Vive in Lombardia, e nel 2009 esordisce nella narrativa con un noir metropolitano dai risvolti surreali.

Senza ritorno.

Sangue al cuore.

Jesus blues

Filippo Genzini è nato a Milano, si è laureato alla Bocconi in Economia aziendale e adesso lavora nel campo del Marketing. Ambienta le storie del commissario Zarotti e dell’ispettrice Disanzio sia a Milano che a Cremona.

lo-scrittore-di-romanzi-rosa

 

Fotografie. Un’indagine tecnologica per il commissario Zarotti

All’ombra del torrazzo.

L’uomo che si sciolse come la neve al sole.

Numero perfetto per l’assassino.

Il volo della cicogna.

L’enigma del commissario.

I fantasmi di Zarotti.

Nessun compromesso per Zarotti.

Lo scrittore di romanzi rosa.

Marco Ghizzoni è nato a Cremona e lavora come agente di commercio. Scrive disciplinatamente tutti i giorni ispirandosi alle storie sentite per anni dagli avventori nel bar trattoria gestito dalla madre. Ambienta le sue storie nell’immaginario paese di Boscobasso, nel cremonese, raccontando i vizi, i pettegolezzi e gli equivoci della provincia italiana con tocco leggero e ironico. Il maresciallo dei carabinieri Nitto Bellomo indaga e risolve i casi con piglio sicuro.

Il cappello del maresciallo

I peccati della bocciofila

L’eredità del Fantini

Marina Crescenti è nata a Benevento, ma vive a Pavia. Laureata in Economia e Commercio è una scrittrice con la passione per i film gialli degli anni 70, oltre che di criminologia e medicina legale. Nel 2007 i Fratelli Frilli Editori pubblicano il suo primo romanzo giallo che vede protagonista il commissario Narducci.

4 Demoni per il commissario Narducci

Joy. Un altro caso per il commissario Narducci

E’ troppo sangue anche per me

La Milano degli anni ’70 viene raccontata da Marina Crescenti nel suo ultimo romanzo giallo:

Al sangue non si comanda

Alessandro Reali nasce a Pavia, lavora presso un laboratorio chimico dell’Eni. Ama la musica blues, jazz e cantautori italiani. Scoperto dai, soliti, Fratelli Frilli Editori che hanno pubblicato nel 2012 il primo romanzo giallo con la coppia di investigatori privati Sambuco & Dell’Oro che indagano a Pavia.

Fitta nebbia. La prima indagine di Sambuco & dell’Oro

La morte scherza sul Ticino. La seconda indagine di Sambuco & Dell’Oro

Sambuco e il segreto di viale Loreto

Ritorno a Pavia. Un altro Natale per Sambuco & Dell’Oro

“Risaia crudele. Quei giorni dell’inverno ’45” e “La bestia di Sannazzaro” sono altri due romanzi che meritano di essere citati.

Pier Emilio Castoldi è un grafico/webdesigner nato a Langosco in provincia di Pavia, ma vive in Piemonte da molti anni. La passione per la scrittura lo ha spinto a scrivere, e nel 2009 Giallomania edizioni pubblica il suo primo romanzo: “La mia prima bicicletta arancio”. Castoldi scrive gialli moderni raccontando la provincia lombarda con un pizzico di ironia. Lo scrittore ha affrontato anche la prova del noir storico con ottimi risultati. Il noir “Radio requiem” è un racconto a sé stante.

Tortona nove corto. Le indagini di Dante Ferrero

Voghera nebbie mortali- La seconda indagine di Dante Ferrero

Radio requiem (noir a se stante)

Jubileum (noir storico)

Theudelinda (noir storico)

Il codice del papa (noir storico)

Mauro Sangiorgi è un avvocato civilista di Pavia, con l’hobby della scrittura. Nella città lombarda ha ambientato dei romanzi che hanno come protagonista l’avvocato Marcello Prati.

Non è una città per avvocati.

Il mistero di Tonbridge. (ambientato in Inghilterra)

Non ti sei perso niente Prati.

Antonio Vasselli è uno scrittore e vignettista palermitano. Da giovane rimase affascinato dalle storie del commissario Maigret, tanto da convincerlo a diventare scrittore a tempo pieno. Le sue storie sono ambientate a Saronno, ed hanno come protagonista il commissario siciliano Mezzasalma.

 

un-cavallo-sanfratellano-per-il-commissario-mezzasalma

La metà del doppio. La prima indagine del commissario Mezzasalma

Non funziona commissario Mezzasalma. La seconda indagine.

Una scodella di busecca per il commissario Mezzasalma. La terza indagine.

Un cavallo sanfratellano per il commissario Mezzasalma

Antonio Caron è un giornalista nato a Torino e laureato in Scienze Politiche. La sua professione lo ha portato in giro per il nord Italia, ma dal 1992 risiede a Bogliasco. Ha scritto molti gialli ambientati in molte città. Per rimanere in tema, alcuni romanzi vedono il maresciallo dell’arma Sebastiano Vitale condurre indagini a anche in Lombardia.

La garconniere di Monza

Il gatto con il numero di telefono

Congresso medico con delitto

Signorina Regina

Fabio Bergamaschi, dopo aver fatto il dirigente nel settore farmaceutico ed alimentare, a 70 anni, decide di scrivere il suo primo romanzo giallo, ambientandolo a Verona, dove è nato, e a Bergamo, dove vive, e che vedono come protagonista l’investigatore Massimo Caliari.

Il veleno della vendetta.

Natura morta con delitto.

Il labirinto del delitto.

Umberto Longoni è uno psicologo, sociologo e scrittore. Oltre a testi di carattere professionale ha scritto anche dei romanzi gialli ambientati nella splendida cornice del Lago Maggiore.

Scambio di anime.

La solitudine del cigno nero.

Marco Gatti è un giornalista nato a Como, redattore del settimanale della Diocesi di Como, e scrittore per hobby.

Quella notte sul lago di Como

L’ultima luna. Il lato oscuro del lago

Massimo Rainer è lo pseudonimo di un avvocato penalista milanese, che nel tempo libero scrive attingendo anche dalla sua esperienza professionale. Definisce il suo primo romanzo “Rosso italiano” uscito nel 2007 hard-boiled, mentre “Chiamami Buio” che vede protagonista un poliziotto cocainomane e corrotto è un vero pulp violento, duro e d eccessivo.

Rosso italiano

Chiamami Buio

Limite ignoto (in formato digitale)

Eugenio Tornaghi è un manager bancario che nasce a Torino e nel tempo libero si diletta a scrivere. Nel 2007 vede la luce il suo primo romanzo giallo: “Una spiegazione logica”.

Il debito dell’ingegnere

La pesca dello spada

Sergio Paoli è uno scrittore laureato in Economia e Commercio nato a Viareggio. Vive in provincia di Lecco. Nel 2008 esce il suo primo romanzo noir.

Ladro di sogni

Monza delle delizie

Niente, tranne la pioggia

Una notte tranquilla

Massimiliano Carocci è laureato in filosofia all’Università statale di Milano, dove insegna in un liceo scientifico. Si dedica alla poesia e alla narrativa. Nel 2007 con il romanzo “Vento rosso”è finalista al Premio Calvino. “Milano mia” è una raccolta di racconti che completa “la trilogia milanese”.

Milano City Blues (Premio Letterario Glauco Felici)

Fiori amari

Alcuni autori all’esordio nel campo della narrativa noir, quindi con una produzione limitata, ma meritevoli di essere presi in considerazione

Luca Bonzano è nato a Milano, dove lavora come giornalista e pubblicista.

Come bestie ferite

Renzo Mosca è un insegnante per adulti disabili presso il Centro Territoriale Brescia-nord. Insegna anche letteratura italiana e straniera. Ha scritto una serie per ragazzi che ha come protagonista Philippe Gratin, il ladro in guanti gialli. Brescia fa da sfondo all’indagine del commissario Leali e al giudice Elena Scalvini nel suo primo giallo dedicato alla città della leonessa d’Italia.

Polvere siete. La città ha un’anima segreta, nera e senza pietà.

Fortunato Marcovicchio è un ispettore di Polizia in pensione. Consulente calligrafico del Tribunale e della Procura di Verbania. Il suo primo romanzo giallo lo ha scritto in collaborazione con Massimo Parma.

Ispettore Colantuono, il caso non è tuo!

Davide Pappalardo è uno scrittore siciliano che vive a Bologna. Ispirandosi alla rapina di via Montenapoleone a Milano, del 15 aprile 1964, ha scritto un noir, dove la criminalità si intreccia con le trame nere di quegli anni. Per la Eclissi Editrice è appena uscito il suo lavoro ambientato a Milano negli anni 70

Milano Pastis.

Buonasera (signorina)

 

buonasera-signorina

Pietro Caliceti è un avvocato milanese che presta la sua assistenza a banche, società industriali e fondi d’investimento. Nel 2016 esce il suo primo romanzo legal thriller ambientato in un mondo che Caliceti conosce molto bene.

 

pietro caliceti

Pietro Caliceti

L’ultimo cliente

Erica Arosio è una giornalista laureata in filosofia alla Statale di Milano, critica cinematografica ed autrice di una biografia su Marilyn Monroe. Giorgio Maimone è un giornalista che ha lavorato per il Sole 24 Ore, e per le reti Mediaset. Arosio e Maimone hanno scritto a quattro mani un giallo ambientato negli anni ’50 a Milano

Vertigine

 

Alberto Zanini

Lascia un commento

*