Intervista a Roberto Solinas autore de Il codice dei sogni

 

 

sogni“Il codice dei sogni” edito da ArgentoDorato è una piccola ma essenziale guida per tutti coloro che sono attratti dal regno di Morfeo e dal mondo onirico.

Niente a che vedere con le guide ed l’interpretazioni con la smorfia per giocare al lotto.

L’analisi  vien fatta in modo preciso, analizzandoli nel loro significato profondo.

I sogni non sono frutto di mera fantasia, ma comunicazioni dell’inconscio. Comprendendo il loro significato attraverso questa guida tutti saranno in grado di tradurli e conoscerne il messaggio profondo riuscendo così a migliorare la propria vita.

L’autore Roberto Solinas è nato a Ferrara, psicologo e psicoterapeuta.

 

Oltre al libro: “Il codice dei sogni – Come capire autonomamente i tuoi sogni-”

è autore di:

Il sole triste (2000), Murales: storia del pensiero libero (2003), Irresistibilmente. Le vie della persuasione e della manipolazione (2013)

Abbiamo la possibilità di conoscerlo meglio attraverso una breve intervista.

Roberto Solinas
Roberto Solinas

 

D. Ciao Roberto possiamo darci del tu ?

R. Si certo

D. Da quanto tempo ti occupi di sogni?

R. Da molti anni ho conoscenze generali sui sogni, da alcuni ho approfondito la materia perché mi interessava.

 

 

D. Che possiamo dire a coloro che sostengono di non sognare?

R. Beh tutti sognano, alcuni forse non se li ricordano al risveglio,  ma tutti gli uomini sognano per tutta la vita. Il sogno ci accompagna per tutta la vita. Credo che questo non avvenga per caso , come semplice attività di scarico del cervello.

D. C’è una differenza di applicazione del tuo metodo tra sogno e incubo?

R. No, i nostri sogni ci parlano dei nostri desideri ma anche di conflitti ansie e preoccupazioni. Alcuni hanno la capacità di prevedere anche se non è la loro  caratteristica principale. Anticipano avvenimenti che poi si verificano e danno comunque risposte o consigli attraverso immagini e simboli.

D. Come valuti il lavoro di Freud?

R. E’ stato un pioniere del sogno scientifico, anche se da sempre gli uomini sono attenti ai sogni. Freud li chiama: “la via regia per l ‘inconscio”.

D. Perché hai deciso di scrivere una guida sull’interpretazione dei sogni?

R. Perché il “Codice dei sogni” è un estrattore delle nostre verità personali e segrete, di ciò che fa parte del nostro essere oltre le apparenze e le convenzioni. Nulla come il sogno ci avvicina alla verità attraverso ipotesi. Comprenderli ci aiuta a vivere e chi non se ne interessa perde l’opportunità di comprendersi. Con questo testo di auto aiuto e un poco di esercizio scopriremo l’inconscio come un saggio consigliere della coscienza che noi per ignoranza abbiamo spesso ignorato. E tutti possono farlo.

D. Quanto sono importanti i racconti dei sogni nel tuo lavoro?

R. I racconti servono a spiegare come analizzare i sogni e applicare il metodo. Seguono la prima parte di esposizione teorica . Vi sono 6 cose da guardare che danno sostegno e assetto all’ interpretazione.

D. Come bisogna rapportarci con i sogni ricorrenti?

R. I sogni ricorrenti si verificano quando un conflitto non è stato sufficientemente elaborato, espresso e interpretato. Se avviene una buona interpretazione il sogno ricorrente non si ripresenta più perché l’iconscio non ha più motivo di rappresentarlo.

Grazie mille per il tempo che ci hai dedicato e in bocca al lupo per il tuo libro!

Precedente Vico dell'Amor Perfetto - Adelaide Barigozzi - Recensione Successivo "Ambrose" di Fabio Carta. Recensione di Emanuele Airola

Lascia un commento

*