Gli anni 70 tra diritti civili, stragi e Leone presidente – (1971)

Gli anni 70

1971

 

Nel marzo del 1971 il Parlamento approvò, dopo accesi dibattiti, l’abrogazione dell’articolo 553 che vietava la propaganda e il commercio della pillola anticoncezionale.

Nello stesso anno vennero arrestati Franco Freda, Giovanni Ventura e Pino Rauti, con l’accusa di essere gli autori della strage della Banca Nazionale dell’agricoltura, di Piazza Fontana a Milano, del 12 dicembre del 1969, dove morirono 17 persone e ne rimasero ferite 88. Il 23 febbraio 1979 i tre verranno condannati all’ergastolo.arresto di freda e ventura

 

 

Ventura, però, riuscì a scappare dal carcere e riparare in Argentina, appena prima della sentenza, dove morirà nel 2000. Nel 1985 la Corte di Assise di Catanzaro ribaltò il giudizio dichiarandoli innocenti, ma 2 anni dopo, una nuova sentenza, riconoscerà definitivamente la loro colpevolezza, ma , nel frattempo passato in giudicato il processo, i condannati si trovarono inopinatamente liberi.

Il 5 maggio avvenne il primo omicidio di Mafia nei confronti di un Magistrato. Pietro Scaglione, Procuratore della repubblica, fu ucciso con il suo autista, il brigadiere Antonio Lorusso, all’uscita del cimitero di Palermo, dove era andato a trovare la moglie. Una macchina si affiancò a quella di Scaglione e, un killer, la crivellò di colpi. Fu il primo attacco allo Stato deciso da Totò Riina, boss dei Corleonesi, che poi sarebbe proseguito in un crescendo spaventoso di sangue e morti. Come rivelerà Tommaso Buscetta anni dopo, furono Luciano Liggio e Totò Riina ad ordinare l’assassinio del procuratore Pietro Scaglione.omicidio scaglione pietroIl procuratore sosteneva che i mafiosi ormai erano infiltrati nelle pubbliche amministrazioni e di conseguenza riconobbe la commistione tra mafia e politica. Il 31 agosto del 2013, Totò Riina, durante “l’ora di socialità”, nel cortile del carcere di Opera dov’è rinchiuso in regime di 41 bis, venne intercettato mentre confidava ad Alberto Lorusso, il boss delle Sacra corona unita pugliese, che fu “Binnu” (Bernardo Provenzano, all’epoca suo braccio destro) a sparare al procuratore. Gli inquirenti sono sicuri che Riina si riferisse proprio a Pietro Scaglione.

Il 6 maggio, Milena Sutter, figlia di un noto industriale svizzero, venne rapita alle 17 dopo essere uscita da una esclusiva scuola elvetica di Genova. Si temette un secondo rapimento dopo quello di un mese prima di Sergio Gadolla, ad opera del gruppo terroristico XXII ottobre, e liberato dopo il pagamento di duecento milioni di lire. In effetti il giorno dopo arrivò una telefonata alla famiglia Sutter, e la voce di un uomo chiese cinquanta milioni di lire. Quindi scese il silenzio per due settimane, quando due pescatori al largo della spiaggia di Priaruggia, vicino il capoluogo ligure, trovarono un corpo femminile in acqua, appesantito da una cintura da sub. Malgrado il viso fosse irriconoscibile, si pensò che potesse trattarsi di Milena.

blog-biondino-post-4-b1

 

 

 

 

La ragazza venne riconosciuta dagli effetti personali e secondo il referto medico, Milena venne strangolata subito dopo la sua sparizione. La sera stessa venne fermato Lorenzo Bozano, un ragazzo di venticinque anni appartenente alla borghesia genovese. Furono trovati parecchi indizi, ma nessuna prova certa di colpevolezza, infatti dopo il processo di primo grado il “biondino della spider rossa”, venne assolto per insufficienza di prove, ma nel 1975, al secondo grado di giudizio, fu condannato all’ergastolo, pena poi confermata anche dalla Cassazione.

Prologo:

Da mesi a Città del Messico gli studenti protestavano e manifestavano in favore del movimento socio-politico del sessantotto, che ormai aveva assunto una risonanza importante in tutto il mondo.

L’esercito su ordine del Presidente, Gustavo Diaz Ordaz, occupò l’Università usando la violenza sugli studenti. Questi atti di violenza non fecero che far aumentare le proteste dei ragazzi, e il 2 ottobre 1968, dopo nove settimane di sciopero, migliaia di persone protestarono contro l’occupazione del Campus per le vie della città. Alla sera tardi cinquemila ragazzi, con l’appoggio di molti genitori, si trovarono nella “Piazza delle tre culture” di Tlalelolco, un quartiere di Città del Messico. La piazza fu circondata dai militari che con l’aiuto dei blindati incominciarono a sparare in maniera sconsiderata sulla folla. A notte tarda molti cadaveri coprivano il selciato, che venne sgomberato buttando i corpi senza vita nei camion dell’immondizia. Secondo le fonti governative i morti furono una quarantina, ma in realtà le stime più attendibili parlarono di trecento morti. La strage avvenne dieci giorni prima dell’inizio dei Giochi della XIX Olimpiade di Città del Messico.

Molti anni dopo, nel 2003, furono pubblicati dal “National Security Archive” dell’Università George Washington, dei documenti che attestavano il coinvolgimento del Pentagono e della Cia, che avrebbero aiutato il governo messicano con uomini e armi per controllare le protesta degli studenti messicani.

Il 10 giugno avvenne, a Città del Messico, la strage del giovedì del Corpus Domini. Studenti messicani manifestavano pacificamente per commemorare il massacro di Tlalelolco del 2 ottobre 1968 e per protestare contro la privatizzazione dell’istruzione Universitaria. Di fatto chiedevano un sistema universitario più democratico con l’ingresso anche per i ceti meno abbienti come i campesinos e gli operai. Mentre gli studenti sfilavano per le vie della città una granata diede inizio alla carneficina perpetrata da “Los Halcones” che era una formazione paramilitare di estrema destra contaminata da delinquenti comuni. Mentre la polizia, ricevette l’ordine di non intervenire in nessun caso, i falchi di destra portavano a segno il piano di repressione organizzato nei minimi dettagli dalle alte cariche dello Stato.

mattanza a citta del messico

 

 

Le armi da fuoco furono scaricate sui manifestanti inermi. La versione ufficiale del governo fu di venticinque morti, ma in realtà il numero preciso non si seppe mai, ma si stimò tra i quaranta e i centoventi morti, perché il Presidente, Luis Echeverria, diede l’ordine per telefono di far sparire i cadaveri e a tal ragione “Los Halcones” entrarono anche negli ospedali, seminando il panico, e portarono via i ragazzi feriti, prelevandoli persino dai tavoli operatori. Di loro non si seppe più nulla. Sparirono anche le fotografie della strage. Echeverria ordinò una finta indagine per accertare eventuali responsabilità, ma non sortì nessun risultato. Lo stesso Presidente nel 2006 fu dichiarato responsabile per la repressione, ma nel 2009 una nuova sentenza stabilì che non ci fossero prove a sufficienza per incriminarlo. E tutti i responsabili sono rimasti impuniti come capita di solito anche in Italia.

Il 30 giugno, al rientro sulla terra dalla stazione spaziale Salyut 1, il veicolo spaziale russo, Soyuz 11, dopo una missione durata ventidue giorni, atterrò regolarmente, ma i tecnici dell’ente spaziale, trovarono i corpi dei tre membri dell’equipaggio morti per asfissia causata dal mal funzionamento di una valvola d’aerazione.

soyuzequip

 

 

 

 

 

Morirono: L’ingegnere di voloViktor Ivanovic Pacaev, il comandante Georgij Timofeevic Dobrol’skij e l’ingegnere collaudatore Vladislav Nikolaevic Volkov.

L’1-2 agosto al Madison Square Garden di New York si tenne il “Concerto per il Bangladesh” promosso da George Harrison e Ravi Shankar in favore della popolazione vittima di una terribile siccità. Parteciparono anche Bob Dylan, Eric Clapton, Ringo Starr, Billy Preston e Leon Russell. Un triplo album venne stampato con le incisioni dal vivo.

Il 24 dicembre venne eletto Giovanni Leone Presidente della Repubblica grazie all’aiuto di Licio Gelli che pilotò i voti dell’Msi.

La Rai trasmetteva ancora in bianco e nero e attraverso la televisione gli italiani conobbero l’attore Peter Falk nei panni del Tenente Colombo che diventerà famosissimo. Nel 1971 ci fu anche la trasposizione televisiva dell’Eneide con Giulio Brogi nella parte di Enea.

Al cinema si poterono vedere: Arancia Meccanica di Stanley Kubrick, Duel, opera prima di Steven Spielberg, Giù la testa di Sergio Leone, Il Decameron di Pier Paolo Pasolini, Morte a Venezia di Luchino Visconti, Il braccio violento della legge di William Friedkin e Agente 007: Una cascata di diamanti con l’ottimo Sean Connery. Il film: Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto di Elio Petri, uscito nel 1970, vinse l’Oscar come miglior film straniero.

Pablo Neruda ricevette il premio Nobel per la letteratura.

Gustav Thoni vinse la coppa del Mondo di Sci. Nel ciclismo “il cannibale” Eddy Merckx vinse sia il campionato del Mondo, che si corse a Mendrisio, che il Tour De France. Il giro d’Italia fu appannaggio dello svedese Gosta Pettersson.

Il campionato di calcio fu regolato dall’Internazionale di Gianni Invernizzi, che sostituì Heriberto Herrera, esonerato dal presidente Fraizzoli dopo la sconfitta nel derby alla quinta giornata del girone di ritorno.

La Coppa dei Campioni venne vinta, per la prima volta, dall’Ajax di Johan Cruyff, che sconfisse in finale il Panathinaikos di Atene per 2-0.

Nella Coppa delle Fiere ci fu la vittoria del Leeds Utd che sconfisse in finale I belgi dell’Anderlecht.

La Coppa delle Coppe la vinse Il Chelsea contro gli spagnoli del Real Madrid.

Nel 1971 morirono Igor Stravinskij, Jim Morison e Louis Armstrong.

Lucio Battisti con Pensieri e parole e Anche per te continuava a mietere successi, assieme a Mina (Amor mio), i Pooh con Pensiero e Tanta voglia di lei, Lucio Dalla con 4 marzo 1943, George Harrison (My sweet lord), John Lennon con la bellissima Imagine. Ma anche Ornella Vanoni (Domani è un altro giorno), I Profeti (Era bella), Bruno Lauzi (Amore caro, amore bello), Formula 3 (eppur mi son scordato di te),Josè Feliciano (Che Sarà) vendettero parecchie copie.

In ambito progressive uscirono ottimi dischi e segnalo con piacere: Emerson Lake and Palmercon Tarkus, Genesis con il bellissimo Nursery Cryme, Gentle Giant con Aquering in the taste, Jethro Tull con l’ottimo Aqualung, King Crimson con Islands, Yes con The Yes album, Van Der Graaf Generator con un indimenticabile Pawn Hearts, Colosseum con il doppio Colosseum Live, i Pink Floyd con Meddle dove troviamo la meravigliosa suite di Echoes.

Pink Floyd

Pink Floyd

 

 

 

 

 

In Italia si incomincia ad ascoltare qualcosa di progressive. I Delirium,che diventeranno famosi grazie ad una partecipazione al festival di Sanremo, producono Dolce acqua, I New Trools incidono Concerto grosso, Le Orme Collage, gli Osanna L’Uomo e il Rovescio della medaglia La Bibbia.

 

Alberto Zanini

 

La prima e seconda parte sono raggiungibili anche da questi link:

igufinarranti.altervista.org/gli-anni-70-diri…ili-stragi-parte/

igufinarranti.altervista.org/gli-anni-70-diri…gi-seconda-parte/

I commenti sono chiusi.