Contrasto – Politico Personale – Ora come allora.

Contrasto – Politico Personale

Anno: 2018

Paese di provenienza: Italia

Genere: punk hardcore

Membri: Junk – batteria; Nik – chitarra; Max (il Turco) – voce; Tommo – chitarra e voce; Stiv – basso e voce

Casa discografica: Klas Production – Anfibio Records – Cose Turche – Rumagna Sgroza – Minoranza Autoproduzioni – Distrozione – Messaggi – Eco Paroleveloci – Brigata Trentasei – Rovina Hardcore – Ganamala Autoproduzioni – Furiosi E Selvaggi Hardcore – Il Tribolo – Obdura – Forever True Records D. I. Y. Label – MVDS Autoproduzioni – Distro La Mina Vagante – Kalashnikov – Scaglie Di Rumore – Edizioni El Rùsac – Nuclear Chaos – Panico Distribuzioni – Rimini Hardcore – Repressione – Ligera – Forthekidsxxx – Hardcore Non Si Comanda – Sa Manta Records – ‘Cause Care – Treviso Punx – Spazio Libertario “Sole E Baleno” – El Paso – Tifiamo Rivolta Co – Produzioni – Black Fire – Oltraggio Autoproduzioni

  1. Credere Obbedire Crepare A Testa In Giù
  2. Ora Come Allora
  3. Statico Vuoto Apparente
  4. Colpirne Uno Colpirne Cento
  5. Le Tue Promesse Sono Pietre
  6. Risoluzioni Strategiche
  7. Strada Per Strada
  8. Le Battaglie Lasciano Segni
  9. Salta La Luna (La Lengua De Trapo)
  10. C’è Qualcosa In Me Che E’ Più Vecchio Di Me
  11. Ultimi Fuochi Di Resistenza
  12. La Vita Vinta Dall’Attesa
  13. Politico Personale
  14. Noi Non Vi Dimentichiamo
  15. Ukulele Punk
  16. Aiuta La Tua Scena (High Circle)
  17. L’Interno Visto Dall’Interno
  18. Tutto Qua

Non si può parlare di hardcore punk italiano senza fare i conti con i Contrasto. Una carriera che ha superato il ventennio, che li ha visti nascere, crescere e rimanere valorosamente aggrappati ai centri sociali. I Contrasto sono di fatto una delle realtà più resistenti e coriacee del punk anarchico italiano. Da Cesena, dove in quel 1996 crearono la loro MVDS Autoproduzioni, con cui pubblicarono i primi EP, dimostrazione di un percorso avviato con la mentalità del fai da te. Approccio che non è ancora cambiato di una virgola nel 2018. La discografia del gruppo infatti si è sempre avvalsa di produzioni e co – produzioni indipendenti che hanno alimentato un modo di produrre musica che riduce i profitti ma ne mantiene intatto lo scopo civico e politico. Storia di occupazioni e lotte la loro, che si traduce in musica in un hardcore emotivamente pregno, sentito e sofferente. Ma che non perde un’oncia della sua carica bestiale. La qualità delle loro uscite è sempre stata di alto livello e Politico Personale non è da meno. Curiosa e di grande effetto la copertina, di buona fattura la musica, notevoli i testi, che sono la cosa più importante nel magma espressivo dei nostri. Credere Obbedire Crepare A Testa In Giù, oltre a rappresentare una dichiarazione d’intenti, si articola come un vero e proprio inno. Ora Come Allora è un pugno dritto in faccia un po’ alla vecchia maniera degli Affluente. La carica animale di Statico Vuoto Apparente, le chitarre emozionanti di Colpirne Uno Colpirne Cento, la carica incontrastabile di Le Tue Promesse Sono Pietre e Risoluzioni Strategiche.

Tutti elementi che farebbero pensare ad un tradizionale disco di punk hardcore incazzato. Ma c’è dell’altro. Per i Contrasto l’hardcore non è solo rabbia e furia ceca. Può essere anche poesia. Salta La Luna (La Lengua De Trapo) è un inaspettato acustico intimista (anche se i cesenati ci hanno già abituati ad uscite di questo tipo in passato).Una canzone bellissima cantata in spagnolo dalla Michi. In questo caso C’è Qualcosa In Me Che E’ Più Vecchio Di Me bissa lo scopo di Salta La Luna proponendo qualcosa di atipico per il genere: solo parole accompagnate da accenni lievi di chitarra. Semplicemente toccante. In seguito alle ottime Ultimi Fuochi Di Resistenza, in cui si distingue un urto prorompente, La Vita Vinta Dall’Attesa e Politico Personale, giungiamo forse al pezzo più interessante e riuscito dell’LP, L’Interno Visto Dall’Interno. Evocativo e particolare, giocato tutto su un mezzo tempo coinvolgente. Traccia per altro chiusa dal campionamento di un discorso di Matteo Salvini, che intima agli stranieri di tornare da dove vengono. L’operazione musicale dei Contrasto è ben architettata, dalla musica appunto, fino ai contenuti e alla cornice fisica del supporto che ci accingiamo ad ascoltare. Niente è lasciato al caso. E come potrebbe esserlo? Credere Obbedire Crepare A Testa In Giù.

Voto: 7

Zanini Marco

Precedente L'uomo del labirinto - Donato Carrisi - Recensione Successivo One Planet One Future.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.