Recensione “Il domatore di leoni” – Camilla Lackberg

Recensione veloce de “

Il domatore di leoni

” libro di Camilla Lackberg

Camilla Lackberg
Camilla

Recentemente ho letto con piacere la nona fatica di Camilla Lackberg, “Il domatore di leoni”, con protagonisti Erika Falck e Patrik Hedstrom, ambientato sulla costa occidentale della Svezia. Erika e Patrik sono una coppia sposata con tre figli piccoli. Lui è un poliziotto e lei una scrittrice che si occupa di casi gialli del passato e vivono nella bella cittadina di Fjallbacka. La storia è ambientata in un inverno molto freddo e rigido e che fa da scenario ad un crimine efferato. Una ragazza, Victoria, sparita da casa quattro mesi prima, sta vagando nel bosco quando viene investita da un’auto. Il suo corpo presenta mutilazioni e torture subite durante il sequestro e altre giovani donne sono sparite in quella zona, tanto da far pensare alla polizia che questo scempio, sia opera di un serial killer. Erika nel frattempo, sta portando avanti una ricerca per il suo nuovo libro che ha come oggetto un delitto avvenuto negli anni ’70. Un terribile omicidio consumatosi all’interno di una famiglia dove erano tenute nascoste violenze e abusi. Due casi all’apparenza diversi, ma che poi si scoprirà, avranno attinenza l’uno con l’altro.

Ho letto altri gialli della Lackberg con protagonisti Erika e Patrik e anche questo mi ha favorevolmente colpita. L’autrice racconta con dovizia le sue storie e quello che amo di più del suo modo di scrivere, è il fatto che non si dilunga nelle descrizioni e nemmeno nell’approfondimento delle personalità dei personaggi. Non è mai prolissa e questo fa sì che i suoi libri siano scorrevoli e sempre interessanti. Anche la lettura di questo giallo intricato è piacevole e mi ha coinvolta nella storia davvero ben costruita; in alcuni momenti ho intuito il seguito della trama ma poi mi ha stupita con i successivi risvolti del racconto tenendo alta la suspence. A questo aggiungiamo l’ambientazione svedese che personalmente amo molto.

Concludo dicendovi che ve lo consiglio caldamente se non lo avete ancora letto. Questo libro è appassionante e piacevole ed è in grado di coinvolgere la mente. Vi garantisco che se iniziate a leggerlo non smetterete finché non lo avrete finito.

Complimenti a Camilla Lackberg per avere sfornato un altro successo.

Teresa Breviglieri

Precedente Passiflora il delicato fiore di Cristo Successivo Stallion - From The Dead - Recensione musica

Lascia un commento

*